Le Olimpiadi di Atlanta 1996 (parte 2)

Le Olimpiadi di Atlanta 1996 (parte 2)

Questo nuovo appuntamento è oggi dedicato al tabellone femminile dell’Olimpiade di Atlanta.
Seconda Olimpiade ufficiale per il judo femminile a cinque cerchi e l’Italia, dove l’argento di Emanuela Pierantozzi nel 1992, festeggia la medaglia di bronzo di una sorprendete Ylenia Scapin.
Ryoko Tani sale per la seconda volta consecutiva sul podio, sempre mettendo al collo una medaglia d’argento.
Giappone e Corea si dividono il primo posto nel medagliere parziale, con Cuba sul terzo gradino.

Pubblicato da A. Cau il 23 mag 2016 in Iglesias

Care amiche e cari amici di Italiajudo, l’undicesima puntata della nostra rubrica “Storia del Judo alle Olimpiadi” è dedicata ancora alle Olimpiadi di Atlanta 1996.

Oggi ci dedicheremo al judo femminile, dove parteciparono 151 atlete da 46 paesi.

Regolamenti. La formula di gara e le categorie di peso (-48 Kg, -52 Kg, -56 Kg, -61 Kg, -66 Kg, -72 Kg, +72 Kg) sono le stesse dell’Olimpiade di Barcellona 1992.

La gara. Il medagliere femminile, vede sul podio virtuale al primo posto appaiati Giappone e Corea del Sud (1 oro, 2 argenti, 1 bronzo), seguite da Cuba (1 oro, 1 argento, 3 bronzi). Andarono a medaglia 12 paesi.
Delle medagliate di Barcellona 1992 abbiamo in questa Olimpiade delle riconferme e dei miglioramti di posizione.
Nella cat. -48 Kg la giapponese Ryoko Tani conferma la sua medaglia d’argento così come la cubana Amarilis Savòn quella di bronzo; nella cat. -56 Kg la cubana Driulis González migliora il bronzo di quattro anni prima conquistando la medaglia d’oro.
La giapponese Yoko Tanabe sale nuovamente sul secondo gradino del podio della cat. -72 Kg, dove, con la medaglia di bronzo al collo salirà anche la nostra Ylenia Scapin.
Altra riconferma di una medaglia d’argento si ha nella cat. +72 Kg e protagonista è la cubana Estela Rodríguez, anche in questa occasione sconfitta in finale da un’atleta cinese.

Le italiane in gara. L’Italia si presenta a questa rassegna a cinque cerchi con 5 atleti.
1) Giovanna Tortora (cat. -48 Kg) alla seconda olimpiade dopo Barcellona 1992, nei sedicesimi di finale sconfigge la brasiliana Andrea Berti, negli ottavi la turkmena Galina Atayeva, ma nei quarti deve arrendersi alla giapponese Ryoko Tani. Nei tabelloni di recupero è sconfitta dalla bielorussa Tatyana Moskvina.
2) Alessandra Giungi (cat. -52 Kg), alla terza olimpiade (contando anche quella dimostrativa di Seul 1988) è sconfitto nei sedicesimi di finale dalla coreana del sud Sook-Hee Hyun. Nei tabelloni di recupero sconfigge prima l’atleta di taipei Hsiao Feng Tseng, ma poi cede all’argentina Carolina Mariani.
3) Emanuela Pierantozzi (cat. -66 Kg) anche lei alla seconda olimpiade, dopo l’argento di Barcellona 1992, è sconfitto nei sedicesimi di finale dalla tedesca Anja Von Rekowski.
4) Ylenia Scapin (cat. -72 Kg) all’esordio olimpico, grazie al sorteggio favorevole entra in gara negli ottavi di finale dove sconfigge la cinese ChunHui Leng, ma ai quarti deve arrendersi all’ucraina Tatyana Belyaeva. Nei tabelloni di recupero sconfigge prima la romena Simona Richter e poi la russa Svetlana Galyant accedendo alla finale per il 3/5 posto dove sconfigge la francese Estha Essombe conquistando la medaglia di bronzo.
5) Donata Burgatta (cat. +72 Kg) alla prima olimpiade, anche per lei per sorteggio favorevole entra in gara negli ottavi di finale dove è però sconfitta dalla tedesca Johanna Hagn.

TABELLONI DI GARA

Lista partecipanti F -48 Kg -52 Kg -56 Kg -61 Kg -66 Kg -72 Kg +72 Kg

MEDAGLIERE


Commenta con Facebook

commenti