Italiajudo is back: Giovanni Di Cristo nuovo direttore della testata

Italiajudo is back: Giovanni Di Cristo nuovo direttore della testata

Italiajudo schiera in prima linea un nuovo protagonista, quanto meno se lo pensiamo con carta e penna alla mano. Ci riferiamo al campione Giovanni Di Cristo, plurimedagliato in campo internazionale, che prenderà la leadership della redazione nel ruolo di Condirettore della testata giornalistica.

Di Cristo ha il chiaro obiettivo di concentrare gli sforzi della redazione di Italiajudo sui veri protagonisti del judo italiano, ovvero i judoka. Ed è da questo semplice assunto che riparte un nuovo e sfidante lavoro di informazione. Infatti, in un mondo super connesso come quello odierno, i risultati e le cronache delle competizioni viaggiano ad una velocità difficile da raggiungere e per questo motivo si è ritenuto che non abbia piú senso trattare i resoconti delle competizioni.

Pubblicato da La Redazione il 2 dic 2020 in EU

Italiajudo prende di nuovo forma a distanza di un anno dalla sospensione del servizio di informazione. La redazione si era presa del tempo per riorganizzarsi. Infatti, negli ultimi anni il mondo del judo è cambiato notevolmente spingendo la redazione di Italiajudo ad una riflessione piú profonda su come rinnovare il modo di fare informazione.

Negli scorsi anni, siamo stati vigili con le nostre pagelle su quello che accadeva in gara, abbiamo parlato di quote rosa, abbiamo analizzato a fondo lo statuto federale della FIJLKAM, abbiamo ribadito l’importanza di avere un sistema democratico, e abbiamo seguito le competizioni in giro per il mondo, tante, tantissime gare. Siamo stati schietti e diretti al fine di favorire il pluralismo di informazione e lo scambio di idee democratiche.

Dopo un anno di riflessione, abbiamo deciso di concentrarci sui veri protagonisti del judo italiano, ovvero i judoka. Ed è da questo semplice assunto che riparte il nostro lavoro di informazione. La mission che ben 10 anni fa ci ha animati resta tuttavia attuale, mentre riteniamo non abbia piú senso trattare i resoconti delle competizioni, alle quali, ci teniamo a precisare, continueremo ad essere sempre presenti.

Infatti, in un mondo super connesso come quello odierno, i risultati e le cronache delle competizioni viaggiano ad una velocità difficile da raggiungere. Di qui, la precisazione è doverosa: la nuova Italiajudo abbraccerà tutti i judoka, non solo i campioni, entrando nella loro quotidianità per poter discutere delle emozioni, delle vittorie, delle ambizioni in ogni campo, ma anche dei sacrifici, delle difficoltà e degli insuccessi.

Per realizzare questo ambizioso progetto, Italiajudo schiera in prima linea un nuovo protagonista, quanto meno se lo pensiamo con carta e penna alla mano. Ci riferiamo al campione Giovanni Di Cristo, plurimedagliato in campo internazionale, che prenderà la leadership della redazione nel ruolo di Condirettore della testata giornalistica.

“Sono sempre stato un supporter del lavoro di Italiajudo - dichiara Giovanni Di Cristo - che ho seguito con molto entusiasmo per ben nove anni. Non ho intenzione di stravolgere l’anima del giornale, che approvo in toto. Piuttosto mi metto a disposizione di una causa che condivido cercando di dare piú risalto alle persone, che siano atleti, insegnanti tecnici, arbitri o semplici appassionati, dando voce a situazioni positive o negative in maniera approfondita ed indipendente. Vogliamo parlare sicuramente alle giovani generazioni e alla classe dirigente che ha voglia di rinnovarsi e confrontarsi, combinando un prodotto ibrido tra giornalismo classico e le dinamiche relazionali dei social media. La prossima imminente sfida che coinvolge tutto il movimento judoistico italiano sta ora nel valorizzare le eccellenze e le intelligenze, non necessariamente già affermate, affinchè siano un vero motore di aggregazione, dialogo, crescita e sviluppo sociale. Con questa chiara intenzione tatuata nella mia mente ho accettato con entusiasmo di prendere la guida di Italiajudo e di farla tornare un punto di riferimento per il judo italiano.”

Con questo auspicio inauguriamo quest’oggi una nuova Italiajudo: un giornale rivolto ai judoka, fatto da judoka. A voi lettori chiediamo di dare feedback puntuali e precisi, senza alcuna remora, al fine di spronarci ad un miglioramento continuo che possa giovare a tutta la comunità judoistica italiana.

Del resto, uno dei principi fondamentali del judo su basa sul Jita Kyoei, ovvero “insieme per crescere e progredire”. Ed è proprio da qui che Italiajudo riparte.