IGEI: l’autore Alessandro Bruyere

Alessandro Bruyère nasce a Carmagnola il primo Marzo 1982. Vive da sempre a Torino, dove pratica judo da quando ha ricordi. , Dopo i primi risultati judoistici in campo giovanile, approda alla Nazionale Italiana, con la quale vivrà una bellissima avventura per gran parte della sua carriera sportiva, sempre a fianco del fratello maggiore Francesco. [...]

Pubblicato da il 16 set 2014 in

Alessandro Bruyère nasce a Carmagnola il primo Marzo 1982. Vive da sempre a Torino, dove pratica judo da quando ha ricordi. ,
Dopo i primi risultati judoistici in campo giovanile, approda alla Nazionale Italiana, con la quale vivrà una bellissima avventura per gran parte della sua carriera sportiva, sempre a fianco del fratello maggiore Francesco.

Nel 2004 comincia a militare nelle fila delle Fiamme Azzurre, il gruppo sportivo militare che gli permetterà di dedicarsi al cento per cento alla sua arte marziale.
Nonostante i suoi impegni sportivi cerca di coltivare contemporaneamente l’altra sua grande passione, quella per la cultura. Si iscrive alla facoltà di lettere e filosofia di Torino, dove si laureerà in Filosofia nel 2012.

La sua tesi di laurea verrà pubblicata nel 2014 dalla Edicom Editori, con il titolo “Vie e Sentieri”. Sarà il suo terzo libro pubblicato. Aveva infatti già trovato il tempo, tra un viaggio e l’altro, tra un allenamento e un libro, di scrivere due romanzi. Il primo gli viene pubblicato dalla Altromondo Editore nel 2008 ed è intitolato “Dopo il punto cosa c’è.” . Il secondo è “Onirico Arbitrio” e viene pubblicato dalla casa editrice La Riflessione nel 2011.

L’idea di “Igei, storia di un drago che faceva judo” nasce quasi per gioco, quando gli amici di Italiajudo, con i quali aveva già collaborato sporadicamente, gli propongo di scrivere la storia della loro mascotte Igei: un buffo drago che tutti scambiano per un pollo. Alessandro accetta con entusiasmo e decide di iniziare un’altra avventura, che prenderà la forma di un racconto dedicato al judo e al bambino che c’è in ognuno di noi.


Commenta con Facebook

commenti