Europei U23: bronzo per Miriam Boi, parte forte la Russia

Europei U23: bronzo per Miriam Boi, parte forte la Russia

Prima giornata della rassegna europea under 23 a Podgorica, Montenegro, e prima medaglia per la selezione azzurra, con Miriam Boi che ottiene il bronzo nella categoria dei -57 kg. Bronzo sfiorato invece da Francesca Giorda nei -52 kg, quinto posto per lei. Russia momentaneamente prima nel medagliere con un oro, tre argenti ed un bronzo.

Pubblicato da Massa il 10 nov 2017 in

Si è svolta oggi la prima giornata dei campionati europei under 23 a Podgorica, in Montenegro. Oltre a diversi top player continentali, è stata e sarà un’occasione per diversi atleti che non hanno preso parte ai mondiali juniores di Zagabria, come per i 15 azzurri chiamati in causa. Non fa più notizia invece l’assenza della Francia a questa competizione. Di seguito i risultati di oggi, che hanno visto la Russia dominare il medagliere.

-48 kg

Unica rappresentante azzurra Elisa Adrasti, sconfitta tuttavia al primo incontro dalla britannica Kelly Staddon, poi terza.

La categoria viene vinta da una delle favorite: la portoghese Maria Siderot, che si aggiudica la finale sconfiggendo la serba Stojadinov. Sul gradino più basso del podio, oltre alla britannica Staddon troviamo un’altra portoghese, Joana Diogo.

-52 kg

Due le azzurre impegnate oggi in questa categoria. Giulia Pierucci cede tuttavia al primo incontro alla georgiana Janashvili, terminando così la sua competizione. Parte invece benissimo Francesca Giorda, che sconfigge in fila la rumena Riciu, la svizzera Silva e la tedesca Schneider, eliminata con uno strangolamento. La semifinale vede la torinese sconfitta dallo strapotere fisico della kosovara Krasniqi; Francesca accede dunque alla finalina ma viene nuovamente sconfitta per immobilizzazione dalla spagnola Ana Perez.

Vince e convince la categoria la favorita Krasniqi, dunque, che ha la meglio in finale sulla rumena Florian. Terzo posto come abbiamo visto per la spagnola Perez in coabitazione con l’azera Azizova.

-57 kg

Anche in questa categoria due italiane: Giulia Caggiano viene però sconfitta dall’ungherese Ozbas. Partendo dalla stessa pool, Miriam Boi sconfigge la kosovara Loxha e la stessa Ozbas, prima di subire un ippon in semifinale dalla russa Golomidova. Molto brava poi la romana a riscattarsi nella finale per il bronzo, dove rimonta un wazari assegnato alla croata Topolovec con un rapido ippon di o soto gari. Altra medaglia per lei dopo quella ottenuta a Malaga due settimane fa.

Terzo posto anche per la spagnola Cadilla Acevedo. Un altra favorita conquista l’oro: la tedesca Stoll chiude infatt un percorso netto vincendo in finale sulla russa Golomidova.

-60 kg

Il piemontese Stefano Monticone era l’unico azzurro a combattere in questa categoria. Nonostante una buona partenza, che ha visto Stefano sconfiggere l’azero Zamanov, l’azzurro è stato in seguito sconfitto dal russo Abuladze, poi secondo. Ripescato, il torinese ha ceduto all’olandese Volleman.

La categoria ha visto una finale interamente russa, dove Zairbekov ha avuto la meglio su Abuladze. Altri due atleti dell’Europa orientale hanno conquistato i terzi posti: l’azero Huseynov e l’ucraino Artem Lesyuk.

-66 kg

Gara sfortunata per i due atleti italiani in categoria: Samuele Fascinato viene infatti eliminato da un bel wazari dello spagnolo Garcia Garrijo, senza essere recuperato. Vinto per un wazari il primo incontro ai danni del georgiano Khubuluri, Luigi Brudetti viene invece sconfitto con un wazari molto dubbio dal serbo Buncic.

Il bielorusso Minkou sbaraglia la categoria ai danni del russo Kulikovskikh. Un altro russo si prende invece il terzo posto: Alim Balkarov, bronzo al paio del serbo Buncic.

 

Archiviata la prima giornata, domani altri azzurri cercheranno di accrescere il bottino italiano, che conta finora il bronzo di Miriam Boi.


Commenta con Facebook

commenti