Campionato Europei a Squadre Misti: Germania campione

Campionato Europei a Squadre Misti: Germania campione

Si sono tenuti ad Ekaterinburg i Campionati Europei a Squadre Misti 2018, che hanno visto salire sul tatami 21 nazioni per un totale di 155 atleti (80 uomini e 75 donne).
Alla fine è la Germania a laurearsi campione continentale sconfiggendo in finale l’Olanda per 4-2.

Pubblicato da A. Cau il 18 lug 2018 in Iglesias

Si sono tenuti ad Ekaterinburg i Campionati Europei a Squadre Misti 2018, che hanno visto salire sul tatami 21 nazioni per un totale di 155 atleti (80 uomini e 75 donne).

Alla fine è la Germania a laurearsi campione continentale sconfiggendo in finale l’Olanda per 4-2.
Le due nazionali hanno raggiunto l’atto finale della competizione superando nell’ordine: la Germania la Slovenia (4-0), la Turchia (4-1) e in semifinale la Russia (4-1). L’Olanda ha invece superato l’Azerbaijan (4-2), la Romania (4-3) e in semifinale la Francia (4-2).

Le medaglie di bronzo sono andate alla Russia (4-0 all’Azerbaijan) e all’Ucraina (4-3 alla Francia.

L’Italia era presente con 6 atleti: Leonardo Casaglia ed Emanuele Bruno (-73), Nicholas Mungai (-90), Anna Righetti (-57), Carola Paissoni (-70) Eleonora Geri (+70).
La nostra nazionale ha visto interrompersi il suo percorso al secondo turno. Nel primo turno ha superato la Serbia per 4-2 con punti decisivi di Nicholas Mungai ed Eleonora Geri. Al secondo turno invece subisce il cappotto da parte della Romania per 4-0, e per la successiva sconfitta della nazionale romena al terzo turno, non veniamo ripescati.

 

Image of EJU Media


  1. maino pierattilio says:

    Bom dia a todos. Ho seguito in diretta la gara e devo ammettere di non aver valutato positivamente il contesto generale. Andare al sorteggio di una categoria ci si affida solo alla “boa sorte” come dicono in Brasile, e poi atleti che alla fine si mettono la medaglia al collo senza aver nemmeno combattuto…non mi sembra rientri nello Spirito Olimpico…Proporrei l’ inserimento di altra categoria per evitare l’inghippo, e poi tornare alla valutazione della vittoria a punti: 7 per wazari e 10 per ippon. Perlomeno
    si vedrebbero incontri ben piú animati e portati fino alla fine delle varie categorie. Speriamo che qualcuno ben altolocato concordi con la mia analisi e proceda al riesame. Ripeto: mettersi al collo una medaglia senza aver nemmeno combattuto mi sembra totalmente contrario allo Spirito Olimpico, potrebbe succedere pure con quanto da me auspicato, ma credo in misura molto ma molto minore, o comunque obbligare al combattimento tutte le categorie per poi alla fine mettere nero su bianco il veritiero risultato finale, un conto 6 a 0, un conto 4 a 2! O sbaglio?? Espero retorno. Muito obrigado ed un caro saluto as todos ex colleghi in Italia e nella mia cara natia terra Lombarda. pierattilio maino brasil

Commenta con Facebook

commenti