Agonismo precoce o uscita veloce?

Agonismo precoce o uscita veloce?

Pubblicato il 25 Gen 2021

Judo è anche competizione: svegliarsi presto la mattina per raggiungere il palazzetto, il peso, l’area riscaldamento dove con la coda dell’occhio cerchi i tuoi avversari, il brivido lungo la schiena quando senti chiamare il tuo nome e la testa che si svuota appena metti i piedi sul tatami. Brividi ed emozioni, legati alle gare che molti di noi portano nel cuore per anni e dai quali non vorrebbero allontanarsi mai. A livello internazionale sono state decise delle...

more info
Chiacchierata con il maestro Nicola Moraci (prima parte)

Chiacchierata con il maestro Nicola Moraci (prima parte)

Pubblicato il 14 Gen 2021

Maestro, Lei che è un professionista del Judo, come sta vivendo questo periodo di crisi che sta colpendo in maniera rilevante le società sportive degli sport da combattimento? Questa pandemia ha gettato nella crisi più profonda l’intero paese. Tutte le società sportive hanno cercato di fronteggiare questo nemico invisibile e combatterlo nel migliore dei modi, purtroppo non coadiuvati dalle decisioni di un governo che inizialmente si è mostrato impreparato a...

more info
Chiacchierata con il Maestro Gino Nasti (seconda parte)

Chiacchierata con il Maestro Gino Nasti (seconda parte)

Pubblicato il 10 Gen 2021

Come mai ha lasciato il Gruppo Sportivo Fiamme Gialle e soprattutto perché si è congedato dalla Guardia di Finanza? Nel’1980 saltai le Olimpiadi per il veto dei militari. Qualche anno dopo, quando capii che il mio comandante non aveva più fiducia in me, feci la scelta di congedarmi e di fare un percorso indipendente. Tornai a casa a Napoli e comincia a fare le supplenze di educazione fisica a scuola, e dopo qualche anno vinsi il concorso. Insegnare educazione...

more info
CONI e MIUR uniti per l’istruzione degli atleti di alto livello

CONI e MIUR uniti per l’istruzione degli atleti di alto livello

Pubblicato il 14 Mag 2018

Il binomio istruzione scolastica e attività agonistica di alto livello ha portato alla nascita dello stereotipo che lo sportivo è ignorante, non ha studiato, sa solo dare calci ad un pallone (nel caso del calcio), sa solo correre (se è un velocista), e in definitiva chi sceglie la strada dello sport (perchè madre natura gli ha dato i mezzi), è come marchiato a vita. Questo per quanto riguarda la realtà italiana, perchè in altri stati sport di alto livello e...

more info