Van Snick vince il ricorso

Van Snick vince il ricorso

Van Snick vince il ricorso e torna alle competizioni: l’atleta belga ha vinto la propria battaglia contro la sospensione di due anni per doping. La fuoriclasse belga Charline Van Snick, classe 1990, era stata trovata positiva alla cocaina in occasione degli ultimi Campionati Mondiali a Rio de Janeiro, dove aveva conquistato la medaglia di bronzo. [...]

Pubblicato da il 5 lug 2014 in

Van Snick vince il ricorso e torna alle competizioni: l’atleta belga ha vinto la propria battaglia contro la sospensione di due anni per doping.

La fuoriclasse belga Charline Van Snick, classe 1990, era stata trovata positiva alla cocaina in occasione degli ultimi Campionati Mondiali a Rio de Janeiro, dove aveva conquistato la medaglia di bronzo.

Dopo l’annuncio del controllo positivo, la IJF le aveva imposto un riposo forzato della durata di due anni.

Van Snick, che ha conquistato anche una medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Londra 2012 nella categoria al limite dei 48 kg, aveva subito protesato sulla propria pagina facebook contro la decisione della IJF: “Due anni di sospensione – sono offesa da questa decisione. Questa punizione e’ troppo lunga e completamente disappropriata. L’analisi dei capelli ha gia’ dimostrato che sono stata vittima di una esposizione involontaria. Combattero’ fino alla fine e andro’ davanti alla Corte di Arbitraggio dello Sport (CAS) per cercare di ottenere la riduzione della pena”.

VanSinick

Il 4 luglio scorso la Corte di Arbitraggio dello Sport (CAS) si e’ pronunciata e ha revocato i due anni di sospensione per la judoka belga, a cui la IJF dovra’ riabilitare il bronzo iridato, ufficialmente ritirato all’indomani della squalifica. La CAS ha sancito la completa innocenza da parte della Van Snick, giustificando la positivita’ alla cocaina con una esposizione involontaria. E’ stato possibile dimostrarlo grazie alla quantita’ di cocaina rilevata dal test, circa 200 volte inferiore rispetto alla qauntita’ che ci sia aspetta di trovare in un abituale cocainomane.

 


Commenta con Facebook

commenti