Valentina Moscatt parte col turbo!

   02/03/2013 Sono tre le medaglie collezionate dagli azzurri impegnati negli European Open di Varsavia e Praga e vengono dalla squadra femminile.   Valentina Moscatt, classe 1987, è la prima azzurra sul podio dell’Italia che corre verso Rio: ed è una medaglia d’oro. La giovane piemontese non ha lasciato spazio a nessuno sul tatami di [...]

Pubblicato da A.C il 9 set 2013 in Milano

 

 02/03/2013

Sono tre le medaglie collezionate dagli azzurri impegnati negli European Open di Varsavia e Praga e vengono dalla squadra femminile.

 

Valentina Moscatt, classe 1987, è la prima azzurra sul podio dell’Italia che corre verso Rio: ed è una medaglia d’oro. La giovane piemontese non ha lasciato spazio a nessuno sul tatami di Praga dove ha letteralmente sbaragliato la categoria delle superleggere al limite dei 48 kg. Bettendo nell’ordine l’ucraina Tetyana Dzhabrailova, la rumena Violeta Dumitru, la turca Sahin Ebru e quindi la mongola Otgontsetseg Galbadrakh marcando waza-ari di seoi-nage nell’incontro di finale, Valentina mette in tasca il secondo oro della sua stagione, considerando l’ottima perfomance nella World Cup di Roma dello scorso ottobre.

 

Ottima Giornata anche per Valentina Giorgis e Edwige Gwend, medaglie di bronzo nella categoria al limite dei 63 kg. Valentina Giorgis è partita con l’ippon sull’ungherese Krisztina Polyak ed ha bissato con la carioca Rafaela Silva; passo falso nell’incontro di semifinale con la francese Maelle Di Cintio poi medaglia d’oro. Nell’incontro di recupero Valentina supera la slovena Vlora Bedeti con uno yuko di scarto ed è vincente sull’iberica Isabel Puche Palao con un doppio waza-ari in o-soto-gari nella finale per il bronzo. Analogo percorso per Edwige Gwend, partita con due ippon ai danni della polacca Magdalena Kowalczyk e della slovacca Ivana Komlosiova; fatali le sanzioni per Edwige nell’incontro di semifinale con la spagnola Puche Palao. Torna l’ippon per l’azzurra nell’incontro di recupero con l’ungherese Szabina Gercsak, mentre sono state tre inevitabili sanzioni a fermare la francese Caroline Peschaud nell’incontro per il bronzo.

 

Falsa partenza invece per Elena Moretti nei 52 kg, uscita al primo incontro con l’esperta olandese Birgit Ente per 3 sanzioni a 2; anche Martina Lo Giudice nei 57 kg, viene fermata al primo turno dalla tedesca Johanna Mueller. Partita bene superando la belga Charline Van Sinck,Odette Giuffrida cede il passo alla mongola Tsolmon Adiyasambuu per 3 sanzioni a 2.

 

In sordina la prima giornata di gara per gli uomini impegnati in Polonia che nel complesso dicono la loro, senza però riuscire ad esprimersi al 100% in una gara tutt’altro che semplice.

 

Nei 60 kg, Carmine Di Loreto ha superato brillantemente il primo turno schiantando il finlandese Juho Reinvall, mentre è con uno yuko di vantaggio che ha superato il secondo turno con l’austriaco Mathias Huemer; fatale per lui il terzo incontro delle fasi eliminatorie con l’ucraino Sergii Bobyr. Nella stessa categoria Fabio Basile ha la peggio con il portoghese Nuno Carvalho: nel primo incontro delle fasi eliminatorie Fabio viene squalificato in modo discutibile per aver accennato una presa al pantalone.  Nei 66 kg Elio Verde supera di ippon Yan Vinogradov (ISR) ma nel secondo turno gli è fatale lo yuko del francese Kilian Le Blouch, poi bronzo; Andrea Regis parte col piede giusto nei 73 kg, superando il primo turno con l’iberico Antonio Sanchez Fernandez di ippoon e quindi di waza-ari l’ostico Florent Urani; fatale per Andrea il waza-ari del tedesco Soshin Katsumi al terzo turno.

 

Nella giornata di domani sul tatami di Praga Giulia Cantoni (70 kg) e Valeria Ferrari (78 kg); saranno invece Luca Poeta e Massimiliano Carollo (81 kg), Domenico Di Guida (100 kg) eAlessio Mascetti (+100 kg) gli uomini impegnati a Varsavia.

 

 

Clicca qui per la diretta streaming:

Warsaw European Open Man              Prague European Open Woman

 

 

Clicca qui per i tabelloni aggiornati e le classifiche:

Warsaw European Open Man              Prague European Open Woman


Commenta con Facebook

commenti