Fabio Basile re d’Europa under 23!

Fabio Basile re d’Europa under 23!

Fabio Basile conquista il titolo europeo under 23! A tre anni dalla medaglia di bronzo all’under 23 di Praga 2012, questa volta è Bratislava a sorridere all’estroso torinese che torna alla grande sulla scena internazionale: inaugurata ottimamente la stagione a partire dall’oro in European Cup Senior lo scorso luglio a Sindelfingen, per Fabio gli ultimi [...]

Pubblicato da AC il 13 nov 2015 in Monza

Fabio Basile conquista il titolo europeo under 23! A tre anni dalla medaglia di bronzo all’under 23 di Praga 2012, questa volta è Bratislava a sorridere all’estroso torinese che torna alla grande sulla scena internazionale: inaugurata ottimamente la stagione a partire dall’oro in European Cup Senior lo scorso luglio a Sindelfingen, per Fabio gli ultimi mesi sono stati un’escalation passata dal bronzo al Continental Open di Galsgow fino alla medaglia d’oro conquistata oggi.

Non ci sono stati avversari all’altezza del giovane talento azzurro, protagonista di cinque incontri di gran classe: nelle fasi eliminatorie Fabio ha messo a segno un poker d’ippon eliminando il lettone Tamm, il tedesco Setz, lo sloveno Plesnik il fastidioso russo Khametov, approdando quindi alla finalissima con il giovane campione bielorusso Dzmitry Minkou, settimo due settimane fa ai mondiali under 21 di Abu Dhabi; tutta azzurra la finale in cui non c’è stato spazio per il bielorusso vessato dal ritmo incontenibile dei Fsbio che h1a surclassato l’avversario sul  piano tattico, costringendolo a ripetuti errori valsi tre sanzioni. Quella di oggi è una  medaglia d’oro che si aggiunge al lauto bottino stagionale e che prelude al meglio per i prossimi ardui mesi di “fatiche asiatiche”. Prima ancora di celebrare la vittoria dal podio è stato infatti lo stesso Fabio a mettere in chiaro le proprie intenzioni: “Il prossimo obiettivo è il Grand Prix in Korea: voglio recuperare tutti i punti che ho perso in questi tre anni e puntare davvero a Rio. Il maestro Murakami sta dando fiducia sia a me che agli altri giovani: penso che si possano fare ottime cose. Oggi è stata una grande giornata: un grazie a mamma e papà e alla mia ragazza Sofia che mi sostengono sempre e questo risultato è anche merito loro.”

Quinto posto per Matteo Piras che dopo una mattinata encomiabile non è purtroppo riuscito centrare una medaglia più che meritata: eliminati il bulgaro Gurov e il vice campione mondiale junior di Abu Dahbi, Alberto Gaitero, è stato il fastidioso azero Telman Valien a tagliargli la strada ai quarti. Ritrovata la rotta con il russo Egor Mgdsyan nell’incontro di recupero, è stato invece  l’altro, incontenibile, russo a fermarlo ai piedi del podio: nella finale per il bronzo Matteo non è riuscito a contenere il Islam Khametov nonostante prodezze acrobatiche che non sono bastate ad evitare lo schianto decisivo.

Settima piazza per Carmine Di Loreto che, partito bene col ceco Pulkrabek e col galiziano Riopedere, è stato fermato dall’azero Davud Mammadov e dal giovane olandese Tornike Tsjakadoea nell’incontro di recupero.

Oggi purtroppo nulla di fatto per il team femminile: eliminate al primo turno Francesca Milani, Fabiola Pidorni e Maria Centracchio; stessa sorte per il folletto di Furci Angelo Pantano eliminato per mano israeliana.

Domani saranno in garawww.eju.net altri cinque azzurri: nei 73 Antonio Esposito difenderà il titolo under 23 dello scorso anno, esordendo al primo turno col rumeno Eduard Nicolaescu; negli 81, ritorno in azzurro per Diego Frustaci, che al primo turno se la vedrà col georgiano Jaba Bitsadze; nei 63 kg sarà invece Martina Greci a difendere i colori azzurri con la vincente tra la spagnola Sebastian e la slovacca Jakibcova; dopo il bronzo nella scorsa edizione, Valeria Ferrari cercherà di confermarsi sul podio dei 70 kg: al primo turno la veronese se la vedrà con l’ungherese Gyulai; nella stessa categoria Carola Paissoni esordirà invece con la bulgara Boryana Borisova.

 

Clicca qui per i risultati

Clicca qui per la diretta streaming

 

Aggiornato il 13/11/2015, ore 21:36

 u23_2015

 


  1. Fabio says:

    Uno splendido risultato di squadra globale, ci voleva. La presenza del M° Toniolo una semplice coincidenza? Non credo, questo dimostra sempre più l’importanza dei club e dei loro tecnici. Spero solo non sia un episodio isolato ma, come accade nel resto del mondo, diventi una consuetudine.

Commenta con Facebook

commenti