Tripletta in rosa a Berlino

06/05/2013- Si tinge ancora di rosa il week-end berlinese dell’Italia under 18, impegnata nella penultima tappa di European Cup. A tenere alto il buon nome italiano ci hanno pensato Eleonora Geri,Alessandra Prosdocimo e Giorgia Stangherlin, artefici di una giornata quasi impeccabile che è valsa una medaglia d’argento e due di bronzo.   Eleonora Geri (+ 70 kg) dopo una [...]

Pubblicato da A.C il 10 set 2013 in Berlino


06/05/2013- Si tinge ancora di rosa il week-end berlinese dell’Italia under 18, impegnata nella penultima tappa di European Cup. A tenere alto il buon nome italiano ci hanno pensato Eleonora Geri,Alessandra Prosdocimo e Giorgia Stangherlin, artefici di una giornata quasi impeccabile che è valsa una medaglia d’argento e due di bronzo.

 

Eleonora Geri (+ 70 kg) dopo una gara di grande pregio non ha centrato di un soffio la medaglia d’oro, forse intimidita dal compatto cubo nipponico Haruno Kumeda. Prima della finale la giovane toscana ha eliminato l’avversaria turca Hulya Sarioglu, eliminata in un poco più di un minuto con quattro sanzioni e quindi per ippon ha superato la tedesca Anna Maria Wagner, la slovena Ajda Koracin e la tedesca Vivien Nosal. Nell’incontro di finale Eleonora s’è resa conto troppo tardi di poter superare la giapponese, dovendosi infine accontentare della medaglia d’argento. Indiscutibile il pregio di questo podio che agli attenti osservatori del contesto internazionale la può dire lunga su quel che si potrà trovare a Miami il prossimo agosto…

 

Alessandra Prosdocimo (63 kg) ha sfinito le sue avversarie sul filo delle sanzioni, costrette all’errore e alla passività con grande tatticismo ed invidiabile continuità: vessata fino al Golden Score la brasiliana Pascoalino, Alessandra ha eliminato l’ostica austriaca Pollers per arrendersi all’olandese Mullenberg ai quarti di finale. Il trattore trevigiano non si è data per vinta ai recuperi dove ha falcidiato le belghe Willems e Falmagne per imporsi anche sulla francese Ines Prevot in una finale per il bronzo al cardiopalma.

 

Giorgia Stangherlin (70 kg) è partita alla grande superando abilmente per ippon i primi tre turni eliminatori con la francese Nezar e le tedesche Friedrich e Hoelterhoff. Battuta d’arresto in semifinale di fronte all’olandese Lesterhuis per una sanzione mal comminata al Golden Score. Senza perdersi d’animo Giorgia riparte con determinazione di fronte all’olandese Chantal Walhout nella finale per il bronzo e sono due shido a confermarle il terzo gradino del podio.

 

Nessun piazzamento di rilievo tra i ragazzi, nonostante la grande caparbietà dimostrata da ciascuno nei propri incontri. I migliori in gara sono stati Angelo Mirabella (73 kg) e Federico Rollo (81 kg), fermati al nono posto dopo una scalata che in entrambi i casi è stata più che degna di nota.

 

707 gli atleti in gara in rappresentanza di 34 nazioni per tre continenti rappresentati; a dominare il medagliere la Germania padrona di casa con 4 ori, un argento e sette bronzi, seguita dalla Russia a sua volta con 4 ori, un argento e sette bronzi e dal Giappone con quattro ori, un argento e un bronzo.

 

L’ultima difficile tappa del circuito continentale cadetti prima dell’estate di fuoco sarà a Bielsko Biala in Polonia il 18 e 19 maggio.

 

 


Commenta con Facebook

commenti