Sport e cultura a Paestum: non mancate!

Sport e cultura a Paestum: non mancate!

Per chi ha sempre pensato che lo sport e la cultura siano due facce della stessa medaglia non puo’ mancare all’appuntamento di Agropoli previsto dal 7 al 12 settembre 2015. Lo stage presenta una formula atipica e al contempo del tutto interessante ed innovativa: si tratta di una occasione di cultura, di formazione, di confronto e perfino di [...]

Pubblicato da Ennebi il 24 giu 2015 in Galway, IRL

Per chi ha sempre pensato che lo sport e la cultura siano due facce della stessa medaglia non puo’ mancare all’appuntamento di Agropoli previsto dal 7 al 12 settembre 2015.

Lo stage presenta una formula atipica e al contempo del tutto interessante ed innovativa: si tratta di una occasione di cultura, di formazione, di confronto e perfino di vacanza, come e’ giusto che sia, dedicato ad agonisti, amatori, tecnici e genitori.

Lo stage-seminario attraversa diversi temi, dalla tecnica e tattica di gara, alla preparazione atletica, allo studio del kata, passando per la biomeccanica e la sociologia applicati al judo, al judo per bambini e alla visione di filmati.

All’appuntamento di Agropoli saranno presenti nomi illustrissimi dello scenario judoistico italiano e mondiale. Lo staff tecnico e’ formato dai maestri Ferdinando TavolucciNicola Ripandelli e Massimo Lanzi, lo staff formativo vede schierati i maestri Attilio SacripantiVittorio Serenelli e Giuseppe Tribuzio.

Interverrano i meastri Bruno CarmeniAlfredo MontiTullio CarmeniPino TesiniFranco NovasconiCorrado Croceri e Nicola Tempesta.

Per la prima volta nella storia del judo italiano uno stage-seminario si presenta all’audience con personaggi di altissimo profilo culturale e tecnico, ma senza riportare i relativi dan nella propria locandina, nonostante stiamo parlando di alti, e in alcuni casi altissimi, gradi.

E’ il primo stage che di fatto aderisce alla campagna di Italiajudo lanciata il 19 maggio 2015 volta ad eliminare ogni riferimento ai dan con l’obiettivo di focalizzarsi su cio’ che davvero e’ importante, ovvero la nostra disciplina, la passione con cui ci dedichiamo ad essa e il confronto attraverso il quale tutti insieme possiamo progredire. E’ un invito a guardare oltre il dan e a superare la mala politica che ha visto per anni il dan come una vera e propria ‘merce di scambio’.

Un evento di tale portata culturale non poteva che avere luogo in una delle citta’ piu’ ricche di storia della penisola, celebre sopratutto per  i templi greci e il museo archeologico. 

Paestum

Judo Agropoli: Stage Seminario – Per maggiori informazioni clicca qui


  1. toni cosenza says:

    Agropoli 2015: ci sarò e con il kimono porterò la chitarra per una jam-session creativa a cui (organizzatori permettendo) potranno partecipare judoka ed accompagnatori APPASSIONATI DI MUSICA, purché con UN PROPRIO STRUMENTO MUSICALE al seguito: voce. chitarra, flauto, tromba, viola, violino o percussione che sia.
    JUDO E’ BELLO – SPORT & CULTURA SONO IL TOP
    CI VEDIAMO AD AGROPOLI
    Toni Cosenza: cintura nera e musicista sulla via dello zen, già allievo di Nicola Tempesta ed atleta della Polisportiva Partenope di Napoli.

Commenta con Facebook

commenti