Sei medaglie azzurre in Coppa Europa

  21/07/2013- E’ un’Italia in buona forma ad aver calcato il tatami tedesco di Sindenfilgen conquistando ben sei medaglie a cui fanno eco due quinti e due settimi posti.   Sembra infatti che l’attività di preparazione attraverso i training camp promossa dalla nuova direzione tecnica stia gradualmente restituendo vigore a moltissimi atleti della classe senior, rendendo più agguerrita [...]

Pubblicato da Lorella il 12 set 2013 in Milano

 

21/07/2013- E’ un’Italia in buona forma ad aver calcato il tatami tedesco di Sindenfilgen conquistando ben sei medaglie a cui fanno eco due quinti e due settimi posti.

 

Sembra infatti che l’attività di preparazione attraverso i training camp promossa dalla nuova direzione tecnica stia gradualmente restituendo vigore a moltissimi atleti della classe senior, rendendo più agguerrita ed interessante la lotta per la “prima linea” in nazionale.

 

La best performer dell’european cup tedesca è stata la giovane Marta Rainero, ancora juniores, che ha conquistato la medaglia d’oro nei 48 kg, lasciandosi alle spalle la malgascia Ratiarison, la tedesca Menz ed in finale l’inglese Hayley Willis con un  ippon al golden score.

 

D’argento Martina Lo GiudiceJennifer Pitzanty, ed Emanuele Bruno. Martina (57 kg) ha superato la senegalese Diedhiou e la russa Noskova prima di cedere il passo in finale alla svizzera Larissa Csatari; stesso percorso per Jennifer (70 kg) che ha annientato l’olandese Donkers, la tedesca Wollert e la svedese Bernholm per cedere al waza-ari della nota slovena Ana Pogacnik; ottima giornata anche per Emanuele che nei 66 kg ha “arato” il tedesco Ehrman, l’israeliano Flicker, l’armeno Harutyunyan, il tedesco Graczik per cedere al padrone di casa Boris Trupka dopo un incontro giocato alla pari fino al termine del tempo regolamentare.

 

Medaglia di bronzo per Gesualdo Scollo e Marco Maddaloni, entrambi in gara a 73 kg. Aldo s’è imposto per ippon sul ceco Vanicek e sul russo Fomin, prima di incontrare e superare con due waza-ari il compagno di squadra Marco; fatale la semifinale col tedesco Schneider che lo costringe alla finalina per il bronzo in cui incontra e supera per Yuko il compagno di squadra Giovanni di Cristo. Marco, prima di incontrarsi e scontrarsi con Aldo vince tre incontri con lo svizzero Guzzi, con l’olandese Van T Westende e con l’ungherese Kiss; costretto ai recuperi dal collega, Marco non si da per vinto ed elimina il ceco Van icek, l’israeliano Muki e dunque conquista il bronzo nella finalina col tedesco Kolein.

 

Quinta piazza per Tania Ferrera (+78 kg) e per Giovanni Di Cristo che torna in gara a 73 kg dopo un lungo periodo d’assenza che non ha certo guastato la sua efficace presenza sul tatami.

 

Settima piazza per Valeria Ferrari (70 kg), così come per Augusto Meloni (73 kg) eGiuliano Loporchio (90 kg) che hanno disputato un’ottima gara (rispettivamente  cinque e quattro incontri) senza tuttavia trovare la gratificazione della medaglia.

 

Giornata più ardua per Isabella CresciniAntonio Chianese e Luca Ardizio, usciti al secondo turno dopo una buona partenza; fatale battuta d’arresto al primo turno per Giada ChiosoDaniel LombardoMario StrazzeriFederico Mella e Alberto Benedetti.

 

Con sei medaglie e quattro piazzamenti, il team azzurro conlcude la spedizione in terra tedesca al quarto posto del medagliere per nazioni dietro a Germania, Slovenia e Bielorussia.

 

La prossima tappa del circuito di Coppa Europa Senior sarà quella di Bratislava, in programma nei giorni 7 e 8 settembre.

 

 

Clicca qui per i risultati completi


Commenta con Facebook

commenti