Sarajevo: nessuna medaglia azzurra ma Ciolan è quinto

Sarajevo: nessuna medaglia azzurra ma Ciolan è quinto

Senza medaglie la terza giornata azzurra ai mondialissimi cadetti di Sarajevo: dopo la prime due giornate storiche concluse con il titolo iridato di Giovanni Esposito, l’Italia arresta la sua corsa alle medaglie. Settima Piazza infatti per Chiara Lisoni, partita alla grande con l’algerina Saïdi e la polacca Kulik, prima della battuta d’0arresto ai quarti con [...]

Pubblicato da AC il 8 lug 2015 in Izola (SLO)

Senza medaglie la terza giornata azzurra ai mondialissimi cadetti di Sarajevo: dopo la prime due giornate storiche concluse con il titolo iridato di Giovanni Esposito, l’Italia arresta la sua corsa alle medaglie.

Settima Piazza infatti per Chiara Lisoni, partita alla grande con l’algerina Saïdi e la polacca Kulik, prima della battuta d’0arresto ai quarti con la giapponese Chie Sasaki, capace di ribaltare le sorti di un incontro ormai in mano azzurra con una transizione impressionante in ne-waza- E’ stata quindi l’ucraina Hannah Kukharuk a fermare definitivamente la parmigiana, passando in vantaggio di yuko ad un solo secondo dal termine dell’incontro di ripescaggio.

Fermato al secondo turno Christian Parlati, al rientro dal brutto infortunio subito agli europei di Sofia: partito con determinazione con lo spagnolo Alberto Varela Ferrer, il napoletano non è riuscito ad inquadrare e a tenere il furore mongolo di Munkhbayasgalan Erdenesukh.er__28q8781

Fermata al primo turno anche la romana Flavia Favorini che ha ceduto alla brasiliana Nascimiento per una sola sanzione.

A tenere alta la scuola italiana nella terza giornata, ci ha pensato però Razvan Ciolan il romano in forze alla nazionale rumena: il talento dei fratelli Ferro della Fitness Nuova Florida ha infatti disputato un gran mondiale fermandosi ai piedi del podio. Travolgente all’esordio col montenegrino Gezovic e col brasiliano Rodrigues, Razvan ha surclassato anche il mongolo Erdenesukh, accedendo quindi alla semifinale col lettone Duinovs che non gli ha purtroppo lasciato spazio, superandolo di waza-ari; combattutissima infine la finale per il terzo posto con l’ucraino Oleksandr Cherkai che ha battagliato col rumeno di borgata concludendo l’incontro col vantaggio di uno yuko.

Al termine della terza giornata, nonostante resti immutato il medagliere azzurro, la classifica per nazioni vede ancora l’Italia al secondo posto dietro al Giappone in testa con tre ori, un argento e due bronzi.

Domani nella giornata conclusiva del mondiale individuale saranno sul tatami Alice Bellandi, Annalisa Calagreti e Marco Truffo.

 

Clicca qui per i sorteggi

Clicca qui per la diretta streaming

 

aaa_zpsrhfrxwbz

 


Commenta con Facebook

commenti