Sara Alvarez è la nuova DT della nazionale iberica, prima donna in Spagna

Sara Alvarez è la nuova DT della nazionale iberica, prima donna in Spagna

Foto di hajimejudo.com

Pubblicato da ennebi il 25 gen 2017 in Barcellona, ESP

Sara Alvarez è la nuova Direttrice Tecnica della Federazione Spagnola di Judo. A soli 41 anni, Sara Alvarez è la prima donna in Spagna a ricoprire tale ruolo ed è anche una delle poche donne nel panorama mondiale judoistico a ricoprire un ruolo di così alto profilo tecnico. Sara Alvarez ha partecipato a tre olimpiadi (1996-2004), ha vinto 1 medaglia d’argento e 2 di bronzo ai campionati del mondo, ha conquistato ben 5 medaglie ai campionati d’Europa, di cui 2 d’oro, e negli ultimi anni è stata allenatrice delle squadre giovanili della nazionale spagnola.

Sara Alvarez ha il compito di riportare la Spagna agli splendori della sua generazione di judoka che hanno fatto incetta di medaglie alle Olimpiadi nel periodo tra Barcellona 1992 e Sydney 2000. Basti pensare alle spagnole Miriam Blasco ed Almudena Muñoz. La prima conquistò il titolo mondiale nel 1991 e quello olimpico nel 1992; la seconda vinse il titolo olimpico a Barcellona nel 1992; ad Atlanta la Spagna conquistò 3 medaglie con Ernesto Pérez, Yolanda Soler e Isabel Fernández a cui si aggiunge la quinta piazza della già citata Almudena Muñoz. A Sydney la Spagna registra la medaglia d’oro di Isabel Fernández a cui si aggiunge la quinta piazza di Úrsula Martin. Da Atene in poi, la Spagna è a secco di medaglie conquistando una sfilza di quinti posti. Nel 2004, in terra greca i quinti posti furono addirittura tre: si tratta della già citata Isabel Fernández, di Oscar Peñas e di Kenji Uematsu; a Pechino due con Leire Iglesias ed Esther San Miguel; a Londra e Rio un unico quinto posto per edizione, rispettivamente con Sugoi Uriarte e Maria Bernabeu.

Sara Alvarez è al momento a capo di una squadra che presenta 7 atleti tra i primi 30 al mondo su 14 categorie di peso, la cui età media  è di poco inferiore ai 28 anni. Si tratta di Francisco Garrigos nei 60 kg (numero 19 – 22 anni); Sugoi Uriarte nei 66 kg (numero 27 – 32 anni); Julia Figueroa nei 48 kg (numero 7 – 25 anni); Laura Gomez nei 52 kg (numero 20 – 32 anni); Jaione Equisoain nei 57 kg (numero 24 – 23 anni); Maria Bernabeu nei 70 kg (numero 10 – 29 anni) e Marta Tort Merino nei 78 kg (numero 29 – 30 anni).  Di questi, Garrigos, Figueroa e Bernabeu hanno conquistato vittorie in tornei del World Tour.

Sara Alvarez si trova a gestire anche una interessante fucina di giovani talenti pronti a farsi largo tra i piú grandi: ci riferiamo ad Alberto Gaitero, Nikoloz Sherazadishvili, Sara Rodriguez, Tecla Cadilla e Fran Garrigos che nel 2014 conquista il titolo di Campione del Mondo Juniores.

Sara Alvarez segue le orme di altre donne del mondo del judo che hanno rivestito il ruolo di DT di una nazionale, si tratta di Martine Dupond e Brigite Didier rispettivamente in Francia e in Sud America.

Sulla stessa scia, pare sia imminente anche in Italia l’ufficializzazione della nomina di Laura Di Toma ad un ruolo chiave nel nuovo staff della nazionale italiana.


  1. Claudio Zanesco says:

    Perchè …a soli 41 anni… ? mi sembra l’età giusta per fare un lavoro cosi impegnativo

    • Ennebi - Amministratore says:

      Hai ragione Claudio, condivido!

Commenta con Facebook

commenti