Quaresima portoghese

Quaresima portoghese

Magro e digiuno per gli italiani impegnati nella tappa portoghese dell’IJF World Junior Tour. Dopo la prima giornata contrassegnata dalla medaglia d’argento di Maria Centracchio, oggi gli azzurri non sono riusciti ad andare oltre i due quinti posti di Nicolas Damico e Melora Rosetta. Fermato al primo incontro dalle nuove regole sulle uscite, Nicolas ai [...]

Pubblicato da AC il 16 mar 2014 in Lisbona

Magro e digiuno per gli italiani impegnati nella tappa portoghese dell’IJF World Junior Tour. Dopo la prima giornata contrassegnata dalla medaglia d’argento di Maria Centracchio, oggi gli azzurri non sono riusciti ad andare oltre i due quinti posti di Nicolas Damico e Melora Rosetta.

Fermato al primo incontro dalle nuove regole sulle uscite, Nicolas ai recuperi a schiantato il portoghese Augusto Ardui ma nella finale per il bronzo con l’olandese Van Het Reve, non è riuscito a guadagnare la meritata medaglia, vittima di una gestione arbitrale a dir poco pessima.

Partita bene con la spagnola Yanez Martinez, superata di due yuko, in semifinale Melora s’è incagliata nella possente israeliana Hershko. Fatale l’incontro scontro per il bronzo con l’olandese Groenwold che l’ha costretta ai piedi del podio.

Nona piazza per Giorgia Stangherlin e Lorenzo Soverini con due incontri vinti e due persi; fuori ai turni eliminatori Davide Pozzi alle prese con una violenta epistassi e Ares Zannella a cui non viene valutata una validissima azione “salvavita” allo scadere del tempo.

Un’Italia che non ha raccolto quanto avrebbe potuto e che di certo dovrà lavorare di più sulle nuove regole e sulla mentalità vincente che è mancata.

Inarrestabile la formazione olandese che ha sbaragliato Coimbra con Ben 18 medaglie di cui sette ori, quattro argenti e sette bronzo. Seconda piazza nel medagliere per nazioni al Canada (2 2 1), terzo posto alla Spagna (2 1 3).

 

 

Clicca qui per i risultati

 


Commenta con Facebook

commenti