Petitto e Caggiano bronzo in Romania

Petitto e Caggiano bronzo in Romania

Sono ancora sul podio Sofia Petitto e Luca Caggiano, piccoli grandi judoka d’Italia che nella primissima di Cluj Napoka - nuova tappa romena del World Torur Cadetti dopo Ploiesti e Pitesti – si sono piazzati tra i migliori conquistando la medaglia di bronzo; quinto posto per Fabrizio Magozzi, Mattia Miceli, Giulia Santini e Federica Luciano. Mattinata di fuoco [...]

Pubblicato da AC il 10 mag 2015 in Kaunas

Sono ancora sul podio Sofia Petitto e Luca Caggiano, piccoli grandi judoka d’Italia che nella primissima di Cluj Napoka nuova tappa romena del World Torur Cadetti dopo Ploiesti e Pitesti – si sono piazzati tra i migliori conquistando la medaglia di bronzo; quinto posto per Fabrizio Magozzi, Mattia Miceli, Giulia Santini e Federica Luciano.

Mattinata di fuoco con la due volte campionessa d’Italia Sofia Petitto, salita ancora sul podio internazionale: la calabrese ha aperto la sua giornata in gran forma sulle turche Sapmaz e Yayla, arrestandosi soltanto al cospetto della stellina ucraina Daria Bilodid, quest’anno già al terzo oro nel circuito mondiale cadetti. L’azzurrina si è quindi rivalsa sulla cipriota Vasiliki Kourri schiantata con caparbietà nella finale per il bronzo.

 

Al suo terzo successo internazionale della stagione, Luca ha invece cominciato la sua mattinata inanellato tre vittorie col rumeno Orban, con l’ungherese Horvat e con l’ostico turco Yildirim Muhammed, prima della semifinale con l’ungherese Akos Kozma, sfumato con lo scarto di un waza-ari su uno yuko, nonostante ogni tentativo per ribaltare il risultato fino all’ultimo secondo. Nella finale per il bronzo il romano ha magistralmente contenuto e superato il tajiko Jamoliddin Abdulloev.

 

Quinta piazza per Fabrizio Magozzi, protagonista di sei incontri che l’hanno visto brillare con l’inglese Razzino, con il rumeno Grigorescu, con il turco Kumptas e con l’ucraino Kompanichenko e cedere soltanto all’esperienza dell’ucraino Oleksandr Spivak e del bulgaro Denislav Ivanov, che gli ha tagliato la strada in finale.

 

Quinto anche Mattia Miceli che ha eliminato il rumeno Minigote, il serbo Rinkovek ed il rumeno Burdusel, prima della fatidica semifinale che l’ha opposto ad un incontenibile Bilal Ciloglu (TUR). Fatale anche la finale per il bronzo dove ad avere la meglio è stato l’ucraino Gievorg Manukian.

 

Analogo il percorso di Giulia Santini, caparbia nei primi due incontri con la georigiana Revazishvili e la serba Stojadinov, prima della semifinale con la seconda serba Nenazedda Petrovic; ancora serba la mano fatale che ha fermato l’azzurrina nella finale per il bronzo, andata a Marija Vukovic.

 

L’ultima quinta piazza è andata a Federica Luciano, che si è imposta sulla rumena Toiu, sull’israeliana Primo e sulla rumena Gliga, prima di cedere alla turca Irem Korkmaz. Incontenibile anche l’ucraina Irina Herasimenko, che l’ha fermata ineluttabile nella finale per il bronzo.

 

Settima piazza per Cristina Visentin.

 

Con sette medaglie (2 ori 1 argento 4 bronzi) la Turchia ha conquistato il medagliere della prima giornata davanti a Ucraina (2 1 2) e Romania (2 1 1).

 

Domani saranno in gara gli atleti delle categorie più pesanti: Flavia Favorini, Alessandra Fiorenza, Denise Lorenzoni, Camilla Calvano, Nicolle D’Isanto, Anna Fortunio, Chiara Lisoni, Elisa Toniolo, Alice Bellandi, Annalisa Calagreti, Alessio Marini, Mattia Prosdocimo, Dario Tarkeshi, Stefano Berbatti ed Emanuele Graziani.

 


 






Commenta con Facebook

commenti