Per crescere con… Movi-Mente

  13/07/2013- Da Ylenia Scapin a Lucia Morico, da Cinzia Cavazzuti a Francesco Bruyere, sono diversi i campioni che hanno dimostrato interesse per Movi-Mente. Walter Argentin addirittura ha presenziato all’atto costitutivo, che si è tenuto la scorsa domenica 7 luglio, dell’associazione sportiva e culturale che ha lo scopo di diffondere il metodo conosciuto come Judo Giocando. [...]

Pubblicato da il 12 set 2013 in

 

13/07/2013- Da Ylenia Scapin a Lucia Morico, da Cinzia Cavazzuti a Francesco Bruyere, sono diversi i campioni che hanno dimostrato interesse per Movi-Mente. Walter Argentin addirittura ha presenziato all’atto costitutivo, che si è tenuto la scorsa domenica 7 luglio, dell’associazione sportiva e culturale che ha lo scopo di diffondere il metodo conosciuto come Judo Giocando.

 

Elaborato da Vittorio Serenelli e dai suoi collaboratori e consulenti, fra questi il neo presidente dell’associazione Sara Fraccaroli e Fabio Tognon, dottore pedagogista, Judo Giocando è un metodo che ha radici lontane e principalmente fanno riferimento agli studi di Doman e Delacato, ma anche alle ricerche di Moshe Feldenkrais ed infine all’italiano Giacomo Rizzolatti e le esperienze della dott.ssa Pedrinazzi.

 

Tra i primi ad intuirne l’importanza fu senza dubbio Cesare Barioli che in un suo Congresso accolse una delle primissime presentazioni.

 

Molti hanno compreso che una sana e solida preparazione dei requisiti fondamentali del movimento agevolano le capacità cognitive dei bambini della fascia 3-6 anni e quindi a crescere nella maniera più opportuna. La mancanza di movimento, i videogiochi, la televisione annullano le capacità primordiali di crescita, con un’evoluzione-involuzione che sta causando danni evidenti. Il metodo Movi-Mente contribuisce a risolvere questo problema.

 


Commenta con Facebook

commenti