Neil Adams sulle nuove regole e la sanzione data a Fabio Basile

Neil Adams sulle nuove regole e la sanzione data a Fabio Basile

On the bottom of this article you can access to the English version of the interview.

Neil Adams è stato il primo britannico a vincere un titolo del mondo (1981) e sicuramente è il più decorato e celebrato judoka britannico di tutti i tempi: egli ha vinto 5 titoli europei per un totale di 8 medaglie continentali, due medaglie d’argento alle Olimpiadi nel 1980 e nel 1984; ai Campionati del Mondo ha conquistato 4 medaglie in 4 edizioni consecutive, dal 1979 al 1985, tra cui il già citato oro del 1981. Neil Adams è oggi sia supervisore degli arbitri per l’IJF sia commentatore sempre per l’IJF. Con lui abbiamo parlato del nuovo regolamento e di quella sanzione di troppo assegnata a Fabio Basile nell’incontro con Baul An.

Pubblicato da Ennebi il 30 ago 2017 in Budapest, Ungheria

Italiajudo ha avvicinato a Budapest la leggenda del judo mondiale, Neil Adams, inserito dall’IJF nella Hall of Fame. Neil Adams è stato il primo britannico a vincere un titolo del mondo (1981). Egli è sicuramente il più decorato e celebrato judoka britannico di tutti i tempi. Neil Adams è oggi sia supervisore degli arbitri per l’IJF sia commentatore, sempre per l’IJF. Neil Adams è strato uno dei maggiori sostenitori e promotori del nuovo regolamento. Con lui abbiamo parlato proprio di questo.

Il periodo sperimentale per le nuove regole introdotte a gennaio di quest’anno si concluderà a giorni, proprio con la fine dei campionati del mondo qui a Budapest. C’è da riconoscere che il feedback è in generale più che positivo. Lei pensa di presentare alcune proposte di cambiamento in seguito a quello ha visto in questi mesi ed in particolare in questi mondiali? 

Con riferimento alla finale dei Campionati del Mondo dei 73 kg tra il giapponese Hashimoto e l’azero Orujov, il mio pensiero personale è che non sia giusto che quell’azione sia stata valutata, assegnando la vittoria all’atleta giapponese.

Però  l’atleta azero è caduto sul fianco… 

E’ vero: secondo il regolamento in vigore al momento, gli arbitri non potevano che assegnare waza ari, pertanto hanno agito più che correttamente. Tuttavia, ho già proposto di distinguere tra la caduta sul fianco anteriore, ovvero la parte del fianco più vicina alla pancia, e la caduta sul fianco posteriore, ovvero quella parte più vicina alla schiena. E solo la seconda dovrebbe essere valutata a mio avviso. So che ci sono altre persone che la pensano come me.

Ci sono altri aggiustamenti al regolamento che vorrebbe introdurre? 

No, in generale sono più che soddisfatto con il nuovo regolamento. In particolare qui a Budapest, credo che gli arbitri abbiano interpretato il regolamento in modo molto corretto.

Abbiamo visto tanti golden score. Lei ritiene che sia una cosa negativa?

Assolutamente no. Nonostante abbiamo visto molti golden score, abbiamo sempre assistito a degli incontri molto dinamici ed avvincenti. Pertanto, se il golden score è una continuazione dei primi quattro minuti di gara, non vedo dove sia il problema.

Che cosa ne pensa della sanzione assegnata a Fabio Basile contro Baul An? 

Io ritengo che non sia un atteggiamento positivo andare alla ricerca della sanzione e non ho apprezzato il fatto che Fabio Basile si sia spinto proprio in questa direzione. Non è quello che vogliamo.

Non ritiene che la sanzione assegnata a Basile non sia stata coerente con le decisioni che la terna arbitrale aveva preso fino a quel momento? 

Si, credo che lei abbia ragione. Tuttavia, ritengo che Fabio Basile abbia preso quella sanzione proprio per il suo atteggiamento. In particolare, da un campione del mondo o da un campione olimpico non ci aspettiamo questo.

ACCESS TO THE ENGLISH VERSION OF THIS INTERVIEW

 


Commenta con Facebook

commenti