Nasce METIS per la promozione del judo

Nasce METIS per la promozione del judo

Nasce il progetto METIS che mette al proprio interno tre esperienze formative maturate grazie alla pratica judoistica e che, con percorsi diversi, vogliono contribuire alla diffusione di una sana pratica ludico-motoria che conduca ad una più consapevole attività judoistica. Il progetto METIS mette insieme l’attività motoria di base, la prevenzione del bullismo e la trasmissione dei valori positivi dello sport attraverso una visione culturale del judo.

Pubblicato da ENNEBI il 4 gen 2017 in Milano

Movimentiamo il judo con voi per far crescere insieme Loro. Con questo slogan nasce il progetto METIS col fine di favorire la diffusione del judo e dei propri valori morali ed educativi.

Il termine METIS, oltre a mettere insieme le iniziali dei termini Movimento, ETIca e Sport, raffigura l’intelligenza intuitiva che può assumere molteplici significati: “il colpo d’occhio del navigante, l’intuito diagnostico del medico, l’abilità del cacciatore, ma oltre a queste, l’intuizione chiaroveggente del politico o le decisioni rapide come il folgore dello stratega; e per finire, le intuizioni di un cuore innamorato”(Dètienne e Vernant, Les Ruses de intelligence. La “metis” des Grecs).

Il progetto METIS mette al proprio interno tre esperienze formative maturate grazie alla pratica judoistica e che, con percorsi diversi, vogliono contribuire alla diffusione di una sana pratica ludico-motoria che conduca ad una più consapevole attività judoistica.

Le tre esperienze a cui si fa riferimento sono quelle del prof. Giuseppe Tribuzio, docente di sociologia presso l’Università di Bari, il quale evidenzia l’importanza della socializzazione, della collaborazione e della solidarietà quali elementi fondanti del progetto educativo; dell’Associazione Movi-Mente, che si pone all’avanguardia nella ricerca di nuovi valori educativi per consentire ai bambini di sviluppare la potenzialità motorie e cognitive; dell’Associazione IGEI, che attraverso il racconto della storia del draghetto Igei, preso in giro per la propria diversità fisica, racconta il disagio giovanile e le problematiche connesse alla crescita psico-fisica e al riconoscimento sociale, aspetti del Judo che non possono essere trascurati, perché essi sono la chiave di volta della diffusione capillare di una sana pratica judoistica.

Le tre esperienze sopra elencate mettono insieme l’attività motoria di base, la prevenzione del bullismo e la trasmissione dei valori positivi dello sport attraverso una visione culturale del judo.

Da quest’oggi presso il Winter Camp di Lignano Sabbiadoro un rappresentante del progetto METIS sarà a disposizione per rispondere alle vostre domande per meglio comprendere come poter collaborare insieme per una migliore e più efficiente valorizzazione e diffusione del Judo.

 

Scopri di più su METIS

Volantino METIS Esterno

Volantino METIS Interno

 

 

 


Commenta con Facebook

commenti