Mondiali U21: chi andrà?

Mondiali U21: chi andrà?

Manca poco meno di un mese al mondiale juniores 2013, ma della squadra azzurra non si sa ancora nulla di ufficiale. E’ certo però che il mondiale under 21 a Lubijana, in Slovenia, è una grande occasione per il team azzurro: un mondiale  a meno di 100 chilometri da Trieste, 230 chilometri dall’aeroporto di Venezia, [...]

Pubblicato da Tito il 1 ott 2013 in Londra (UK)

Manca poco meno di un mese al mondiale juniores 2013, ma della squadra azzurra non si sa ancora nulla di ufficiale. E’ certo però che il mondiale under 21 a Lubijana, in Slovenia, è una grande occasione per il team azzurro: un mondiale  a meno di 100 chilometri da Trieste, 230 chilometri dall’aeroporto di Venezia, significa poter ambire a riempire i 20 posti a disposizione di ogni nazionale, aggirando le ristrettezze di bilancio senza falcidiare la squadra come avvenuto per i mondiali di Rio ed in particolare per quelli di Miami.

 

Come già occorso in occasione e degli Europei  under 21 di Sarajevo, purtroppo non sono stati divulgati i criteri di selezione della rosa che prenderà parte a questo mondiale: cerchiamo dunque di delineare una lista di “candidati” a fronte dell’ultimo europeo under 21 e dell’attività nazionale ed internazionale 2013.

 

La partecipazione al mondiale delle medaglie di Sarajevo è abbastanza scontata: dopo il titolo europeo, per la spumeggiante Odette Giuffrida (52 kg) la corsa non si è certo fermata e quella di Sarajevo è l’occasione migliore per continuare a mostrare al mondo di che pasta è fatta. Non diversamente Valeria Ferrari, che ha ritrovato il sorriso europeo a 70 kg, avrà l’occasione di rincorrere le emozioni di Budapest 2009, quando vinse il mondiale under 17 proprio nei 70 kg. Le due azzurre si erano in vero distinte già prima dell’europeo: Odette dopo il titolo under 21 e l’argento assoluto, aveva guadagnato la quinta piazza all’europeo senior di Budapest staccando il lasciapassare per il mondiale di Rio dove si è ben distinta tra i colleghi azzurri; Valeria, come la collega campionessa italiana juniores e vicecampionessa assoluta, nel 2013 ha ottenuto due medaglie in Coppa Europa: il bronzo di Coimbra e l’argento di Paks.

 

Anche Fabio Basile (60 kg) e Daniela Raia (52 kg), quinti classificati all’europeo, avranno probabilmente l’occasione di rimettersi in corsa ambendo ad una medaglia prestigiosa a Lubijana. Piuttosto diverso il 2013 di questi due atleti: Fabio vanta il doppio titolo under 21 e assoluto, il bronzo ai Giochi del Mediterraneo ed un oro nella tappa italiana di Coppa Europa; Daniela ha dalla sua il bronzo under 21 di Andria, un quinto ed un settimo posto in Coppa Europa.

 

Anche Matteo Piras (66 kg) purtroppo “soltanto” settimo dopo un’ottima performance all’europeo, potrebbe ambire a rifarsi a Lubijana; Matteo nel 2013 detiene il maggior numero di medaglie italiane nel circuito di European Cup juniores: due ori nelle tappe di Coimbra e Paks ed un bronzo in quella di Lignano, arrivate dopo l’argento under 21 di Andria e il bronzo assoluto di Catania.

 

In base ai risultati internazionali 2013 la lista dei “papabili” a completare la rosa di Lubijana comprende almeno 30 nomi. Tra di loro anche un nutrito gruppo di cadetti che quest’anno si è cimentato senza problemi con i colleghi della classe maggiore, ottenendo discreti risultati sia in Italia che all’estero.

 

Tra le leggerissime potrebbero ambire al mondiale Marta Rainero e Francesca Milani (48 kg): Marta, che non ha preso parte all’europeo di Sarajevo per un infortunio, potrebbe cercare la rivincita proprio al mondiale; la giovane piemontese nel 2013 ha conquistato il titolo under 21, il bronzo assoluto e dopo un bronzo, quinto e un settimo posto in Coppa Europa (Lignano, Paks e Liebenitz) ha vinto l’European Cup Senior di Sindelfilgen. Francesca che non ha brillato all’europeo, rincorre il mondiale forte del bronzo under 21 e di un bronzo, un quinto ed un settimo posto nel circuito continentale juniores (La Coruna, Lignano, Lieberec).

 

Nei 57 kg  Maria Centracchio e Fabiola Roma sarebbero le candidate al mondiale dei 57 kg. Maria porta al collo il doppio bronzo  degli under 21 e dell’ assoluto, con un oro, un argento e la settima piazza delle European Cup di Lignano, Paks e La Coruna; Fabiola, campionessa italiana juniores e vicecampionessa assoluta, vanta invece un bronzo nella tappa di Coppa Europa di La Coruna ed un settimo posto in quella di Lignano; entrambe le atlete hanno preso parte all’europeo di Sarajevo, senza però riuscire a brillare. Esiste in vero un “terzo incomodo” Greta Poser che cercherà di farsi largo tra le colleghe con il peso di un bronzo under 21, un bronzo e due quinti posti  nel circuito continentale juniores (La Coruna, Lignano e Paks).

 

Simona Abate e Martina Greci (63 kg) cercheranno di confermarsi in azzurro anche al mondiale: all’europeo la loro strada si è interrotta al secondo turno dopo una buona partenza; Simona quest’anno ha guadagnato rispettivamente il bronzo under 21, l’argento assoluto e la settima piazza in Coppa Europa (Paks); Martina, che non ha medaglie in Italia, ha conquistato la tappa spagnola di Coppa Europa (La Coruna). Potrebbero essere le giovani Alessandra Prosdocimo e Chiara Carminucci a scompigliare le carte di questa categoria in vista di Lubijana: Alessandra tricolore under 21, si è piazzata al settimo posto nella tappa ungherese di Paks oltre ad aver ottenuto tre medaglie nel circuito europeo cadetti; Chiara, ha ottenuto la medaglia di bronzo agli under 21 di Andria, in Coppa Europa under 18 e soprattutto agli europei under 18 di Tallin.

 

Potrebbe essere una tra Ilaria Silveri e Giuseppina Macrì, a far “compagnia” a Valeria Ferrari nei 70 kg. Ilaria, campionessa italiana in carica, si è distinta in Coppa Europa con l’argento di La Coruna e la settima piazza di Liberec; Giuseppina, bronzo ad Andria, annovera un bronzo nel circuito continentale a La Coruna.

 

Affollati anche i 78 kg: Melora Rosetta, unica italiana in azzurro agli europei under 21, si contende il pass mondiale con Giulia Zuliani e Chiara Meucci. Melora  ha dalla sua il bronzo under 21 di Andria, un argento, un bronzo ed una settima piazza in Coppa Europa (La Coruna, Lignano e Liebenitz), Giulia, argento agli italiani under 21, in Coppa Europa ha  ottenuto un bronzo ed una settima piazza (La Coruna e Paks) e  Chiara, senza medaglie in Italia, ha un argento nella tappa greca di Tessalonica, un quinto a Coimbra e tre settimi posti a Lione, Liebenitz e Paks. Anche la cadetta Soraja Luri Meret potrebbe avere qualcosa da dire, dopo il bronzo agli italiani juniores e i tre quinti posti in Coppa Europa Under 21 a Liebenitz, Paks e Lieberec.

 

Se non fosse ancora infortunata, il mondiale tra le supermassime dei +78 kg spetterebbe alla giovane Eleonora Geri, che oltre al titolo di Andria tra gli juniores, quest’anno si è aggiudicata tre medaglie nel circuito europeo cadetti ma soprattutto il bronzo europeo under 18 a Tallin e l’argento agli EYOF di Utrecht: da allora la giovane toscana è temporaneamente fuori combattimento.

 

A rincorrere il sogno mondiale nei 55 kg c’è Graziano Piredda: il vicecampione italiano juniores, oltre alla partecipazione all’ultimo europeo under 21, nel 2013 ha conquistato la medaglia di bronzo nell’European Cup di La Coruna con un quinto e un settimo posto nelle tappe di Lignano e Liberec. A tormentare i sogni di Graziano potrebbe esserci il giovanissimo folletto di Furci Angelo Pantano, vincitore del tricolori under 21 di Andria e campione europeo under 18 a Tallin nei 50 kg. Ad Angelo, punito con l’esclusione dai mondiali under 17 per “problemi di peso” agli EYOF, il mondiale juniores potrebbe presentarsi come una provvidenziale occasione di riscatto. Angelo ringrazia per l’occasione il collega Elios Manzi, campione europeo e vicecampione mondiale under 18, che lascia il trono dei 55 kg per affacciarsi alla categoria di peso successiva.

 

Nei 60 kg con Fabio Basile, aspirano al mondiale anche Carmine Di Loreto ed Angelo Lanzafame. Carmine, all’europeo di Sarajevo senza grande fortuna, nel 2013 ha guadagnato la medaglia di bronzo under 21 agli italiani di Andria ed ha vinto l’ardua tappa di Coppa Europa di Paks; Angelo, quest’anno è forte della tripletta d’argento under 21, assoluto e Coppa Europa (Lignano).

 

Potrebbe essere Salvatore Mingoia il secondo candidato mondiale dei 66 kg: Salvatore, dopo il bronzo under 21 di Andria, ha ottenuto un quinto e due settimi posti in Coppa Europa (Paks, Leibnitz, Berlino).

 

Antonio Esposito, cercherà di tenersi stretto il posto di titolare dei 73 kg ottenuto in occasione degli europei di Sarajevo: in quell’occasione due turni vinti per lui non sono valsi la piazza d’onore, nonostante una buona performance. Antonio quest’anno ha ottenuto il titolo under 21 ad Andria e la medaglia d’argento nella tappa ungherese di Coppa Europa junior.

 

Potranno essere Raffaele D’Alessandro e Daniele Sciabola i due candidati mondiali degli 81 kg. Raffaele, già presente agli europei under 21, nel 2013 ha ottenuto il titolo juniores, la quinta piazza agli assoluti  e la medaglia di bronzo nell’European Cup Juniores di Paks; Daniele, argento ai tricolori juniores e quinto agli assoluti, nel circuito continentale under 21 ha ottenuto un argento ed una settima piazza (Leibnitz e La Coruna).

 

Anche nei 90 kg i candidati potrebbero essere almeno due, Nicholas Mungai e Diego Frustaci: da annoverare per loro nel 2013, il tricolore under 21 e la quinta piazza in Coppa Europa a La Coruna per il primo, l’argento under 21 e la quinta piazza in Coppa Europa a Lignano per il secondo. Anche il cadetto Davide Pozzi potrebbe dire la sua a Lubijana: dopo la medaglia di bronzo ai tricolori juniores di Andria e due medaglie e tre piazzamenti nel circuito europeo Under 18, col bronzo di La Coruna Davide è stato l’unico italiano ad ottenere un podio in Coppa Europa Under 21 nei 90 kg.

 

Dopo l’europeo, Ciro Busto e Nicolas Damico, cercheranno di tornare in azzurro anche al mondiale. Il 2013 ha consegnato il titolo nazionale under 21 a Ciro, che in Europa ha ottenuto un argento a Lignano e due settime piazze a Liebenitz e Paks; dopo il bronzo europeo 2012, Nicolas è tornato in gara soltanto all’europeo di Sarajevo dopo un lungo stop, senza disputare nessuna gara tra campionati nazionali o gare del circuito europeo.

 

E’ infine Nicola Becchetti ad aspirare al mondiale nei supermassimi. Nel 2013, dopo l’argento ai tricolori under 21, Nicola ha ottenuto un bronzo nella tappa ungherese di Coppa Europa, e quindi una quinta e una settima piazza a Lignano e Liebenitz.

 

Sarà alla fine il feeling dei tecnici Maddaloni e Romano, con il benestare del DT Toniolo, a compiere la selezione vincente: l’auspicio è che a guidare la scelta sia un criterio oggettivo capace di valorizzare soprattutto i risultati e quindi i percorsi di crescita, così come la partecipazione all’attività internazionale, da lungo tempo pilastri non trascurbili del lavoro coi giovani.

 


Commenta con Facebook

commenti