Manzi, Mascetti e Centracchio a segno a Sofia

Manzi, Mascetti e Centracchio a segno a Sofia

Nell’European Open appena conclusasi a Sofia, gli atleti italiani tornano a casa con tre medaglie: si tratta dell’argento conquistato da Elios Manzi nella categoria al limite dei 60 kg, dei bronzi di Maria Centracchio nella categoria limite dei 57 kg e di Alessio Mascetti nella categoria oltre 100 kg. Alle medaglie appena citate, si aggiungono [...]

Pubblicato da Ennebi il 31 gen 2016 in Galway, IRL

Nell’European Open appena conclusasi a Sofia, gli atleti italiani tornano a casa con tre medaglie: si tratta dell’argento conquistato da Elios Manzi nella categoria al limite dei 60 kg, dei bronzi di Maria Centracchio nella categoria limite dei 57 kg e di Alessio Mascetti nella categoria oltre 100 kg.

Alle medaglie appena citate, si aggiungono quelle di legno di Angelo Pantano nei 60 kg e di Vincenzo D’Arco nei -100 kg.

Elios Manzi disputa 5 incontri: ai turni eliminatori supera in ordine l’olandese Tsjakadoea, l’ucraino Bilichenko e il russo Gadzhiev. In semifinale se la vede con l’altro italiano in gara, Angelo Pantano, vincendo di ippon al secondo minuto di gara. In finale cede il passo per ippon di fronte al talentuoso 20enne azero, Zamanov.

12645149_1731843380386182_8890674705905689637_n

Anche Maria Centracchio disputa 5 incontri: alla semifinale arriva dopo le vittorie ottenute sull’azera Almammadova, la georgiana Abashidze e la tedesca Lisson. In semifinale cede il passo per mano della padrona di casa Ilieva, che chiuderà in seconda posizione, senza riuscire a difendere l’oro conquistato lo scorso anno nella medesima competizione. La medaglia di bronzo arriva per differenza di sanzioni sull’avversaria russa Konkina.

Il ritorno alle competizioni del conte Mascetti, come tutti amicalmente lo chiamano, lo vede protagonista in ben 4 incontri: ai turni eliminatori fa fuori il lituano Paskevicius e il georgiano Lazuashvili. In semifinale non ce la fa ad imporsi sul brasiliano Moura, che e’ numero 12 al mondo, mentre nella finalizza per il bronzo fa fuori l’uzbeko Masharipov per waza ari.

Angelo Pantano, altro fuoriclasse della categoria al limite dei 60 kg, disputa 5 incontri imponendosi in ordine sullo spagnolo Sargazasu, sull’azero Shirnili, sul bulgaro Ivanov, per poi cedere il passo di fronte al corregionale Elios Manzi, come già citato in precedenza. Nella finalina non ce la fa con il bielorusso Bagirov.

Anche Vincenzo D’arco disputa 5 incontri in totale disputando una buona gara. Per lui tre vittorie sullo sloveno Hajas, sul montenegrino Pantic e sull’austriaco Kronberger e due sconfitte per mano del georgiano Tavelauri prima e dell’olandese Korrel dopo.

Onore e meriti anche a chi ha deciso di essere presente a Sofia – molti di loro a proprie spese – e non e’ riuscito a portare a casa la medaglia. A tal proposito e’ doveroso parlare di Elisa Marchio’, Manuel Lombardo e Matteo Piras, usciti dalla competizione con 3 incontri disputati, di Lucia Tangorre, Emanuele Bruno e Luca Ardizio che hanno disputato due incontri ciascuno, ed infine di tutti coloro che non hanno superato il primo turno eliminatorio, pur mettendocela tutta: Anna Rigetti, Giulia Cantoni, Assunta Galeone, Diego Cressi, Gesualdo Scollo, Nicholas Mungai e Davide Pozzi.

Clicca qui per i risultati completi

12622300_1732153350355185_9180987310016481978_o

 


Commenta con Facebook

commenti