Manuel Lombardo fa il bis: sale anche sul tetto del mondo

Manuel Lombardo fa il bis: sale anche sul tetto del mondo

FOTO IJF

Pubblicato da il 19 ott 2018 in

È un appuntamento con la storia quello di quest’oggi per Manuel Lombardo e per il judo italiano: l’atleta piemontese laureatosi Campione d’Europa solo un mese fa a Sofia, sale sul gradino più alto del podio nella categoria dei 66 kg ai Campionati del Mondo in corso di svolgimento alle Bahamas. Un’impresa riuscita a pochissimi azzurri, che fa di Manuel uno degli atleti più di successo del judo nostrano. Il diciannovenne piemontese conquista la sua prima medaglia in un campionato iridato, dopo aver mancato per pochissimo il podio nell’edizione dello scorso anno. Nel proprio palmares annovera un oro ed un bronzo sia ai Campionati d’Europa Under 18 (Sofia 2015 e Atene 2014), sia agli Europei Under 21 (Sofia 2018 e Malaga 2016).

A Nassau, quest’oggi Manuel disputa quattro incontri, vincendone tre prima della fine del tempo regolamentare. Al primo turno affronta l’atleta colombiano Cristian Vergas che supera in poco più di un minuto; ai quarti di finale costringe l’atleta kazako Bakhtzhan Abdurakhmanov a subire tre shido, aggiudicandosi l’accesso alla seminale; qui affronta il giapponese Yuji Aida nell’unico incontro terminato ai punti; nella finalissima in un minuto mette KO il brasiliano Michael Marcelino, campione panamericano juniores in carica. Manuel Lombardo è un fuoriclasse dalla straordinaria eleganza e quest’oggi ne ha dato ulteriore conferma. 

Nella medesima categoria gareggia anche l’azzurro Luca Caggiano che vince il primo turno con l’atleta cubano Orlando Polanco, ma si arrende di fronte al già citato Michael Marcelino.

Nei 73 kg Giovanni Esposito s’impone sull’atleta del Lussemburgo Claudio Nunes Dos Santos e sul colombiano Arkangel Barboza; l’atleta ceco Adam Bydzovsky lo mette KO ponendo fine al suo mondiale; nella stessa categoria troviamo Alessandro Magnani eliminato al primo turno dall’olandese Yannick Van Der Kolk.

ACCEDI ALLE POUL

Cat. 52 kg

1. TAKEDA, Ryoko (JPN)                                                                
2. PRIMO, Gefen (ISR)
3. RICIU, Cleonia (ROU)                               
3. KALETA, Aleksandra (POL)
5. MOKDAR, Faiza (FRA)                               
5. MARCUS TABELLION, Coraline (FRA)
7. ESTEO LINNE, Nina Estefania (ESP)
7. KORKMAZ, Irem (TUR)

Cat. 57 kg

1. FUNAKUBO, Haruka (JPN)
2. CYSIQUE, Sarah Leonie (FRA)                                                              
3. KAJZER, Kaja (SLO)
3. LKHAGVATOGOO, Enkhriilen (MGL)
5. PERISIC, Marica (SRB)                                 
5. TOMIZAWA, Kana (JPN)
7. KHELIFI, Ghofran (TUN)
7. TOPOLOVEC, Tihea (CRO)

Cat. 66 kg

1. LOMBARDO, Manuel (ITA)                               
2. MARCELINO, Michael (BRA)
3. CHOPANOV, Murad (RUS)
3. AIDA, Yuji (JPN)                                                                
5. ZHUBATKAN, Sunggat (KAZ)                               
5. NAGUCHEV, Kazbek (RUS)
7. ABDURAKHMANOV, Bakhitzhan (KAZ)
7. CASES ROCA, Salvador (ESP)

Cat. 73 kg

1. CILOGLU, Bilal (TUR)
2. TSUKAMOTO, Ryo (JPN)                                       
3. MARKARIAN, Georgios (GRE)                               
3. BAGTBERGENOV, Zhanbolat (KAZ)                               
5. STERPU, Victor (MDA)                               
5. GAMOSOV, David (RUS)                               
7. BYDZOVSKY, Adam (CZE)
7. UMAYEV, Abdul Malik (BEL)