Lignano 2019: nella seconda giornata bronzo per Bedel. Italia seconda

Lignano 2019: nella seconda giornata bronzo per Bedel. Italia seconda

Nella seconda ed ultima giornata di gara dell’European Cup di Lignano Sabbiadoro dedicata alla classe juniores, l’Italia porta a casa la sola medaglia di Kenny Komi Bedel conquistata nella categoria degli 81 kg. Il bronzo di quest’oggi si aggiunge alle 5 medaglie conquistate ieri dagli azzurri, ovvero gli ori di Martina Castagnola (52) e Silvia Pellitteri (57) e gli argenti di Alessia Tedeschi (52), Alessandro Aramu (60) e Mattia Prosdocimo (73). Al bronzo di Bedel, si aggiungono le quinte piazze di Lorenzo Agro Sylvain nei +100 kg e di Betty Vuk nei 78 kg.

La Russia fa incetta di medaglie e aggiunge due ori a quello conquistato ieri, portandosi in vetta alla classifica per nazioni, provvisoriamente occupata dall’Italia dopo la prima giornata di gare. Completano il bottino dei 27 atleti russi anche 5 medaglie d’argento e 6 di bronzo, a cui si aggiungono 5 piazzamenti ai piedi del podio. Il primato russo fa scalpore perché il 70% dei propri atleti impegnati a Lignano sono stati in grado di disputare una finale.

Pubblicato da Ennebi il 7 apr 2019 in Bruxelles, BEL

Nella seconda ed ultima giornata di gara dell’European Cup di Lignano Sabbiadoro dedicata alla classe juniores, l’Italia porta a casa la sola medaglia di Kenny Komi Bedel conquistata nella categoria degli 81 kg. La Russia fa incetta di medaglie e aggiunge 2 ori a quello conquistato ieri, portandosi in vetta alla classifica per nazioni. L’Italia scivola cosi al secondo posto, mentre al terzo troviamo l’Olanda con 2 ori e 4 argenti. Il Kazakistan che era in terza posizione dopo la prima giornata di gare, scivola in quarta con una medaglia d’oro, una d’argento ed un bronzo.

Kenny Komi Bedel disputa sei incontri, quattro dei quali chiusi prima del tempo regolamentare. Al primo turno l’azzurro affronta il polacco Aleks Hoppe superato per un punto a favore dell’atleta azzurro. Komi ci mette un minuto e mezzo per eliminare il croato Tin Straza; mentre ci vuole poco più di un minuto per mandare ai recuperi il connazionale Mattia Gallina. L’incontro dei quarti di finale lo vede scontrarsi con l’atleta belga Pieter Vandyck: qui Komi prima si porta in vantaggio e poi chiude l’incontro ad un minuto e 40 secondi dall’inizio del match. La semifinale con il russo Adam Utsiev non finisce bene per l’atleta azzurro che subisce ippon dopo tre minuti. Giunto alla finale per la terza piazza, Komi supera l’ungherese Gergely Nerpel per ippon, vittoria che gli consente di mettersi al collo una meritatissima medaglia di bronzo.

Alla medaglia di Bedel, si aggiungono i quinti posti di Lorenzo Agro Sylvain nei +100 kg e di Betty Vuk nei 78 kg.

 


Commenta con Facebook

commenti