“Libera-mente”: in dialogo per crescere

29/01/2013- Il Consiglio di Settore auspica, anche con il contributo dei Tecnici Sociali, di individuare il criterio più funzionale alle esigenze degli atleti e delle Società Sportive .”   Con queste parole l’informativa federale dello scorso 7 gennaio (AS/J/DA/bf) ha aperto la strada ad un nuovo modo di partecipazione alla vita federale: dialogo, collaborazione ecorresponsabilità potrebbero essere  i tre punti cardine di [...]

Pubblicato da AC il 6 set 2013 in

29/01/2013- Il Consiglio di Settore auspica, anche con il contributo dei Tecnici Sociali, di individuare il criterio più funzionale alle esigenze degli atleti e delle Società Sportive .”

 

Con queste parole l’informativa federale dello scorso 7 gennaio (AS/J/DA/bf) ha aperto la strada ad un nuovo modo di partecipazione alla vita federale: dialogocollaborazione ecorresponsabilità potrebbero essere  i tre punti cardine di questa piccola “rivoluzione”.

 

Prendendo alla lettera l’invito del Consiglio di Settore ed estendendone il campo dal Sistema di Qualificazione alla finali nazionali agli altri ambiti che in questo periodo sono oggetto di discussione, alcuni tecnici hanno inviato i propri contributi alla Federazione chiedendo di condividerne i contenuti anche con i nostri lettori.

 

Nei prossimi giorni daremo voce a queste persone, pubblicando le proposte che continuano a pervenirci con l’obiettivo di “liberare la menti” per costruire il judo di domani: lo scambio di idee, la critica, la condivisione o il dissenso sono strumenti insostituibili per un dialogo utile a trasformare le idee in proposte concrete.

 

 

Clicca qui per il primo contrbuto del M.° Bruno Nibbi

 

Clicca qui per il secondo contributo di Pietro Andreoli

 

Clicca qui per il terzo contributo di Caludio Zanesco

 

Clicca qui per il quarto e il quinto contributo di Francesco Cocheo e Marco Bottinelli

 


Commenta con Facebook

commenti