Le Olimpiadi di Atlanta 1996 (parte 1)

Le Olimpiadi di Atlanta 1996 (parte 1)

La puntata odierna ci porta all’Olimpiade del centenario, che viene assegnata ad Atlanta, piuttosto che ad Atene, che l’avrebbe voluta organizzare per celebrare il centenario delle Olimpiadi moderne.
Nel Judo, in campo maschile, si assiste ad debutto da paesi indipendenti delle ex repubbliche nate dalla dissoluzione dell’URSS e che a Barcellona 1992 avevano gareggiato sotto la sigla dell’EUN e la bandiera olimpica.
La gara ci propone alcune conferme dall’Olimpiade di Barcellona 1992 e nuovi atleti che iniziano, in questa olimpiade, ad entrare nell’Olimpo di questo importante appuntamento.
L’Italia festeggia l’argento di Girolamo Giovinazzo nella cat. -60 Kg

Pubblicato da A. Cau il 17 mag 2016 in Iglesias

Care amiche e cari amici di Italiajudo, la decima puntata della nostra rubrica “Storia del Judo alle Olimpiadi” ci porta oggi alle Olimpiadi di Atlanta 1996.

Sono le Olimpiadi del centenario, Olimpiadi che avrebbe voluto organizzare Atene, per celebrare appunto i cento anni delle Olimpiadi moderne, rinate ad Atene nel 1896.

Come già avete avuto modo di vedere per le Olimpiadi di Barcellona, queste prima puntata del 1996 sarà dedicata al judo maschile

Le gare si svolsero dal 20 al 26 luglio presso il Georgia World Congress Center e vi parteciparono 238 atleti da 80 paesi.

Regolamenti. La formula di gara e le categorie di peso (-60 Kg, -65 Kg, -71 Kg, -78 Kg, -86 Kg, -95 Kg, +95 Kg) sono le stesse dell’Olimpiade di Barcellona 1992.

La gara. Il medagliere maschile, vede le prime 4 nazioni classificate con 4 medaglie ciascuna, ma per una differenza di “metalli” è il Giappone che occupa il primo posto (2 ori, 2 argenti), davanti alla Francia (2 ori e 2 bronzo), alla Corea del Sud (1 oro, 2 argenti e 1 bronzo) e alla Germania (1 oro e 3 bronzi). Andarono a medaglia 15 paesi.
Uzbekistan e Georgia, alla prima partecipazione come nazioni indipendenti, conquistano qui ad Atlanta le loro prime medaglie olimpiche con l’argento di Armen Bagdasaro (UZB) e con il bronzo con Soso Liparteliani (GEO).
Dei medagliati di Barcellona 1992 abbiamo in questa Olimpiade delle riconferme e dei miglioramenti di posizione.
Nella cat. -60 Kg il tedesco Richard Trautmann conferma la sua medaglia di bronzo; nella cat. -66 Kg il tedesco Udo Quellmalz, dopo il bronzo di Barcellona conquista qui la medaglia d’oro, e il cubano Israel Hernandez riconferma la medaglia di bronzo di quattro anni prima.
Il giapponese Toshihiko Koga, passa alla cat. -78 Kg e dopo l’oro di Barcellona 1992 (cat. -71 Kg) conquista la medaglia d’argento.
Nella cat. +100 Kg il francese David Douillet dopo il bronzo di Barcellona conquista qui la medaglia d’oro.
Ad Atlanta inizia il “regno olimpico” nella cat. -60 Kg del giapponese Tadahiro Nomura, che conquista il suo primo oro olimpico sconfiggendo in una finale molto contestata, il nostro Girolamo Giovinazzo.
L’olandese Mark Huizinga conquista con la medaglia di bronzo nella cat. -86 Kg, la sua prima medaglia olimpica.

Gli italiani in gara. L’Italia si presenta a questa rassegna a cinque cerchi con 4 atleti.
1) Girolamo Giovinazzo (cat. -60 Kg) nei sedicesimi di finale sconfigge il georgiano Giorgi Vazagashvili, negli ottavi il francese Franck Chambilly, nei quarti il messicano Ricardo Acuna e in semifinale il tedesco Richard Trautmann. Nella finalissima viene sconfitto dal giapponese Tadahiro Nomura.
2) Francesco Giorgi (cat. -65 Kg), è sconfitto nei sedicesimi di finale dal portoghese Michel Almeida.
3) Diego Brambilla (cat. -71) è sconfitto dal’ungherese Bertalan Hajtós.
4) Luigi Guido (cat. -95 Kg) nei sedicesimi di finale sconfigge il tajiko Khairullo Nazriev, ma negli ottavi è sconfitto dal polacco Pawel Nastula. Nei tabelloni di recupero è sconfitto dall’ungherese Antal Kovács.

Curiosità. L’atleta più giovane è Yu Shu-Chen, di Taipei (16 anni e 184 giorni); l’atleta più vecchio l’australiano Miklos Szabo (40 anni e 213 giorni).

TABELLONI DI GARA

Lista-partecipanti-M -60Kg -65 Kg -71 Kg -78 Kg -86 Kg -95 Kg +95 Kg

MEDAGLIERE MASCHILE


Commenta con Facebook

commenti