La playlist di Antonio Esposito

La playlist di Antonio Esposito

Due week end fa Antonio Esposito e’ tornato alle competizioni nell’European Cup di Paks conquistando la medaglia di bronzo. Dallo scorso gennaio, infatti, Antonio era stato constretto a fermarsi a causa di un infortunio alla caviglia riscontrata durante il Winter Camp di Lignano Sabbiadoro, la cui diagnosi asseriva ‘’Lesione di 3°grado del legamento peroneo astragalico [...]

Pubblicato da Ennebi il 22 lug 2014 in Bruxelles

Due week end fa Antonio Esposito e’ tornato alle competizioni nell’European Cup di Paks conquistando la medaglia di bronzo. Dallo scorso gennaio, infatti, Antonio era stato constretto a fermarsi a causa di un infortunio alla caviglia riscontrata durante il Winter Camp di Lignano Sabbiadoro, la cui diagnosi asseriva ‘’Lesione di 3°grado del legamento peroneo astragalico e frattura del malleolo’’. Antonio Esposito e’ l’unico italiano tra i maschi ad aver vinto un campionato del mondo, l’ha fatto lo scorso anno a Ljubljana vincendo il titolo iridato nella classe under 21. Antonio e’ entrato cosi’ nella storia del judo italiano ed e’ ora l’idolo di molti judoka, piccoli e grandi.

1537480_10202303201156617_5768753839456469814_o

A Paks Antonio ancora non aveva recuperato al 100%, ma al campione del mondo tanto e’ bastato per piazzarsi sul podio. Quando gli abbiamo chiesto come si sentiva, Antonio ci ha riferito: ‘’Non sono ancora al 100%, diciamo al 75%, tuttavia mi sono sentito abbastanza bene in gara. E’ stata una gara che ho sentito molto sul piano della tensione, perche’ adesso tutti si aspettano tanto da me’’. Quando gli abbiamo chiesto come riesce a superare la tensione, abbiamo scoperto che gli sono di aiuto la musica e il suo maestro: “Con la musica riesco a sentire molto meno la tensione, poi cerco di divertirmi prendendola un pó come un gioco. E poi c’e’ il mio maestro che durante la gara ride e scherza sempre con me, non facendomi pesare nulla”. Abbiamo poi parlato del suo migliore amico, Fabio Basile, che gli ha dedicato la vittoria proprio a Paks: ‘’Fabio è il mio migliore amico e sono davvero contento che abbia pensato a me in quel momento di euforia, gli voglio bene come un fratello. Fabio sapeva benissimo il brutto periodo che ho passato, quindi ha voluto dedicarmi la vittoria. Di lui apprezzo la sua spontaneitá e la semplicitá, ed e’ per questo che siamo cosi’ legati.’’

Vi proponiamo la playlist che ha accompagnato Antonio durante la gara di Paks:

    • Not afraid di Eminem

    • Am I wrong di Nico e Vinz

    • Can’t hold us di Macklemore e Ryan Lewis

    • Giungla di Clementino feat Rocco Hunt

    • Hurricane dei 30 seconds to Mars

    • Dark horse di Katy Parry

    • Papaoutai di Stromae

 

E voi, quali canzoni ascoltate?

 

Foto di Franco Di Capua

Commenta con Facebook

commenti