Judo con i Campioni delle Fiamme Gialle

   08/09/2013- Il M° Felice Mariani ancora una volta mette la sua passione e le sue competenze a disposizione del Judo italiano.   Il Direttore Tecnico del Gruppo Sportivo Fiamme Gialle, grazie alla disponibilità della Guardia di Finanza, offre a tutti i judoka una grande opportunità: allenarsi presso il Centro Sportivo di Castelporziano con i campioni [...]

Pubblicato da U.S. FFGG il 12 set 2013 in Roma

 

 08/09/2013- Il M° Felice Mariani ancora una volta mette la sua passione e le sue competenze a disposizione del Judo italiano.

 

Il Direttore Tecnico del Gruppo Sportivo Fiamme Gialle, grazie alla disponibilità della Guardia di Finanza, offre a tutti i judoka una grande opportunità: allenarsi presso il Centro Sportivo di Castelporziano con i campioni Giulia Quintavalle, Antonio Ciano, Edwige Gwend con la supervisione tecnica anche dei Maestri Massimo Sulli e Michele Monti.

 

L’iniziativa prevede una serie di collegiali per atleti agonisti nell’attrezzatissima struttura delle Fiamme Gialle. Atleti di tutta Italia si alleneranno con i campioni giallo-verdi.

 

I primi a beneficiarne saranno atleti della Puglia, Basilicata, Campania e Lazio, il tutto a partire dall’8.09.2013, mentre il successivo appuntamento è previsto ad Ottobre dal 7 al 12 con la rappresentativa regionale veneta guidata dal tecnico Pietro De Luca, e con gli atleti siciliani guidati dal maestro Corrado Bongiorno.

 

Molte le richieste di partecipazione che purtroppo saranno limitate a circa 60 partecipanti.

 

A dicembre è previsto l’ultimo stage che si svolgerà probabilmente in montagna in una struttura delle Fiamme gialle.

 

 

In proposito il Felice nazionale ha dichiarato: “Sono entusiasta di avere l’opportunità di mettere a disposizione del judo italiano la professionalità del G.S. Fiamme Gialle di cui ho l’onore di far parte. L’esperienza maturata anche come Segretario Generale dell’Osservatorio Bullismo e Doping mi ha fatto comprendere ancora di più quale compito straordinario sia quello di avviare e sostenere i giovani che praticano il judo. Per questo voglio mettere a disposizione la mia esperienza umana e sportiva, che mi ha consentito di partecipare a otto Olimpiadi.” 

 

 

 

 

 

 

 


Commenta con Facebook

commenti