Il judo nel mondo animato: Yawara

Il judo nel mondo animato: Yawara

Continua il nostro viaggio alla scoperta del judo nel mondo animato e questa settimana parleremo di Yawara, in Italia conosciuto come “Jenny – La ragazza del judo “.
Pubblicato in Giappone tra il 1986 e il 1993 sul mensile Big Comic Spirits, l’opera di Naoki Urasawa si aggiudica nel 1990 il 35° Premio Shogakukan Manga Awards.

Pubblicato da A. Cau il 16 nov 2017 in Iglesias

Continua il nostro viaggio alla scoperta del judo nel mondo animato e questa settimana parleremo di Yawara, in Italia conosciuto come “Jenny – La ragazza del judo “.

Pubblicato in Giappone tra il 1986 e il 1993 sul mensile Big Comic Spirits, l’opera di Naoki Urasawa si aggiudica nel 1990 il 35° Premio Shogakukan Manga Awards.
Yawara rappresenta la prima di una serie di grandi opere di successo di Naoki Urasawa.
E’ definito un manga seisen, ossia dedicato ad un pubblico maschile che va dalla maggiore età in sù. Non è però da confondere con gli Hentai i quali hanno tematiche a sfondo sessuale, mentre anime e manga seisen trattano temi complessi, seri, importanti, particolarmente sviluppati sul piano psicologico.
Di Yawara abbiano sia la versione manga (fumetto) che la versione anime (cartone animato).
La versione manga si compone di 29 volumi in Italia edita da Panini Comics – Planet Manga a partire dal 2013, mentre la versione animata, che si compone di 124 episodi prodotti da Madhouse è stato trasmesso da Yomiuri Tv dal 16 ottobre 1989 al 21 settembre 1992. Nel 1992 è uscito anche il film d’animazione YAWARA! Soreyuke koshinuke kizzu!!, mentre nel 1996 è uscito lo special televisivo YAWARA! Special Zutto kimi no koto ga… .
In Italia della versione animata sono andati in onda solo 26 dei 124 episodi e trasmessa da Junior TV.

Sono stati inoltre pubblicati da Sofix due videogiochi per PC dal titolo Yawara e Yawara 2.

La Trama. Il titolo all’opera è dato dalla protagonista, Yawara Inokuma, una giovane ragazza adolescente, con un grande talento per il judo, ma che ha un nonno con un nome un pò ingombrante, Jigoro Inokuma, maestro di judo e cintura nera 7° dan. Questi, nonostante Yawara voglia condurre una vita normale come tutte le adolescenti, la obbliga a praticare il judo, ponendole come obiettivo la vittoria dei campionati nazionali per entrare così nella squadra nazionale femminile che disputerà per la prima volta i Giochi Olimpici di Seul 1988 e vincere la medaglia d’oro. Sulla sua strada troverà però un’agguerrita rivale Sayaka Honami, allenata da Shinnosuke Kazamatsuri, uno dei migliori allenatori di judo del Giappone, fidanzato di Sayaka, che avrà però anche un debole per Yawara.
Questa enorme pressione porta inizialmente la giovane Yawara ad odiare la disciplina, ma con il proseguire della storia e le varie vicissitudini, la ragazza svilupperà una forte passione nei confronti dello sport.


Commenta con Facebook

commenti