GS Parigi 2019 – Basile e Giuffrida due bronzi splendenti!

GS Parigi 2019 – Basile e Giuffrida due bronzi splendenti!

Si è conclusa la prima giornata del Grand Slam di Parigi 2019 che, visto l’alto numero di partecipanti, si è concluso nella tarda serata.
E’ stata una giornata che ha sorriso all’Italia con i due bronzi di Odette Giuffrida e Fabio Basile, che tornano in grande spolvero in questo primo Grand Slam della stagione e portano a casa punti importanti per la qualificazione olimpica. Continua il grande momento di Manuel Lombardo che dopo l’oro di Tel Aviv si ferma ai piedi del podio, ma la sua prestazione è stata Superlativa, ma vedremo più avanti come.

Pubblicato da Myriam Auteri il 9 feb 2019 in Parigi

Si è conclusa la prima giornata del Grand Slam di Parigi 2019 che, visto l’alto numero di partecipanti, si è concluso nella tarda serata.
E’ stata una giornata che ha sorriso all’Italia con i due bronzi di Odette Giuffrida e Fabio Basile, che tornano in grande spolvero in questo primo Grand Slam della stagione e portano a casa punti importanti per la qualificazione olimpica. Continua il grande momento di Manuel Lombardo che dopo l’oro di Tel Aviv si ferma ai piedi del podio, ma la sua prestazione è stata Superlativa, ma vedremo più avanti come.

Odette GIUFFRIDA (-52), inizia la sua giornata vincendo contro la marocchina Iraoui grazie ad un waza-ari a pochi secondi dalla fine del tempo regolamentare. Nel secondo incontro, dopo essersi fatta sorprendere dall’inglese Giles nelle prime riprese, pareggia con un de-ashi barai nell’ultimo minuto; al golden score, dopo appena 25″ è Odette ad infliggere l’ uchi-mata che le apre le porte dei quarti di finale.
Qui è sconfitta al golden score dalla giapponese Shishime (a fine giornata vincitrice della categoria), e inizia la strada dei recuperi contro la brasiliana Valentim aggiudicandosi l’incontro a 40″dalla fine per ippon.
Nella finale per il bronzo Odette non esita e, dopo aver preso le giuste misure di fronte alla spagnola Esteo Linne marca un waza-ari di ippon seoi nage e subito dopo chiude l’incontro con un waza-ari di de ashi barai.
Bella prestazione per lei che la conferma ancora tra le più forti della categoria a livello mondiale.

Fabio BASILE (-73) era al rientro nelle competizioni dopo il Mondiale di Baku di settembre 2018. Vince rapidamente il primo incontro grazie ad un ippon di ko-uchi gari sul mongolo Bulgan e di o-uchi gari sul marocchino El Meziati a meno di un minuto dall’inizio del combattimento.
È la volta dell’iraniano Mohammadi, bronzo agli ultimi mondiali, che dopo due shido si fa sorprendere da un magnifico ippon di kata guruma.
Nei quarti di finale è sconfitto dopo 1’40″ di golden score per waza ari dall’azero Heydarov, Fabio incontra ai recuperi il francese Chaîne che supera per 3 shido a 2 al golden score.
Nella finale per il bronzo Fabio mostra subito di non essere intimorito dal kosovaro Gjacova e, dopo aver fatto tremare il suo avversario in più occasioni, marca l’ippon della vittoria a 2’16″ dalla fine con kata guruma, mostrando ancora una volta la sua sete di vittorie.

Gli altri italiani in gara. Manuel LOMBARDO (-66) torna sul tatami dopo l’oro conquistato a Tel Aviv qualche settimana fa.
Vince rapidamente per ippon il primo incontro contro il capoverdiano Teixeira e al secondo turno affronta il giapponese Hifumi Abe, campione del mondo in carica e tra i grandi favoriti di giornata. Qui Manuel fa un capolavoro, impedendo dal primo secondo al nipponico di fare il suo judo. Manuel sblocca il risultato a meno di 2 minuti dalla fine con un waza ari di kata guruma, e continuando ad attaccare piazza il decisivo ippon seoi nage a 1’13″ dalla fine. Due waza ari quindi e il secondo turno, considerato cruciale, è superato con facilità.  Al terzo incontro si trova davanti l’azero Safarov, due volte medagliato ai mondiali nei -60, che piazza un altro waza ari di kata guruma a 1’30″ dalla fine. Nonostante i due shido Manuel centra l’accesso ai quarti di finale. Nei quarti di finale dura incontro con il moldavo Vieru, campione d’Europa U23 in carica e vincitore della categoria a fine giornata; ad un minuto dalla fine su un attacco di Yoko guruma di Manuel il moldavo contrattacca avendo la meglio sul nostro atleta.
Nei recuperi l’egiziano Abdelmawgoud non si presenta poiché squalificato per hansokumake permettendo così a Manuel di accedere alla finale per il bronzo. Chiude in seguito al quinto posto sfortunatamente subendo ippon dall’israeliano Shmailov a 1’40″dalla fine. Sicuramente tanta delusione, ma un quinto posto che dimostra che Manuel c’è!

Matteo MEDVES, inizia la sua gara in contemporanea a quella di Manuel; sul tatami affianco batte il cinese Ma a 17″ dall’inizio del Golden Score grazie ad un waza ari di sumi gaeshi. Al secondo incontro affronta l’egiziano Abelrhaman. Incontro tattico che termina al Golden Score con la vittoria di Matteo per 2 shido a 3.
È la volta poi di Margvelashvili, che nonostante i due shido riesce ad infliggere a Matteo un waza ari. Finisce qui la sua avventura parigina.

Edwige GWEND (-63), esce al primo turno contro la padrona di casa Di Cintio. Il terzo shido che chiude la sua giornata arriva dopo 2’25 ” di golden score.

L’Italia era presente sul tatami con Roberta Chyurlia che, tra l’altro, ha arbitrato una delle finali per il bronzo della cat. -60 Kg, quella tra l’israeliano Ben David e il georgiano Nozadze.

Il medagliere generale a fine giornata vede il Giappone in testa con 4 ori, 1 argento e 2 bronzi, seguito dal Canada con 1 oro e 1 argento e dalla Francia con 1 oro e 2 bronzi.

Banner WordPress (Myriam)