GP Cancun 2018: Elios Manzi si colora di bronzo

GP Cancun 2018: Elios Manzi si colora di bronzo

L’Italia dei volontari schierata al Grand Prix di Cancun, in Mexico, chiude la prima giornata di gara con la medaglia del talentoso Elios Manzi, che gareggia nella categoria dei 66 kg disputando 5 incontri.

FOTO IJF

Pubblicato da Ennebi il 13 ott 2018 in Barcellona, ESP

Elios Manzi torna sul podio di una competizione del World Tour dopo un’assenza di più di un anno. L’ultimo podio risale a giugno dello scorso anno, quando si piazzò secondo all’European Open di Bucarest nella categoria 60 kg. In Messico Elios conquista un bronzo prestigioso nella nuova categoria dei 66 kg, in piena corsa olimpica, disputando cinque incontri, tre dei quali chiusi dall’atleta siciliano prima della fine del tempo regolamentare.

La corsa alla medaglia dell’azzurro ventiduenne inizia con il padrone di casa Ulises Mendez, superato per waza-ari ed ippon in due minuti e mezzo. Nell’incontro successivo, Elios affronta e supera il peruviano Juan Postigos, anche questa volta per ippon. Giunto ai quarti di finale, Elios non riesce ad avere la meglio sul russo tre volte vice campione del mondo, Mikhail Puliaev, che chiuderà il suo Grand Prix in seconda piazza, per mano dell’altro russo in gara in questa categoria, Aram Grigoryan. Si va ai recuperi, dove Elios supera per ippon il tedesco Manuel Scheibel, aggiudicandosi l’accesso alla finale per il bronzo. Qui affronta il brasiliano Daniel Cargnin, già campione del mondo juniores, quest’anno quinto alla rassegna iridata di Baku svoltasi tre settimane fa. Il match si chiude al settimo minuto di incontro a favore dell’atleta azzurro, che sale sul terzo gradino del podio.

In Messico nella stessa categoria di peso gareggia per i colori azzurri anche Matteo Piras, che parte benissimo con il messicano Jose Wiedmer, superato in soli 30 secondi; per poi arrendersi nell’incontro successivo al brasiliano Daniel Cargnin, di cui abbiamo già parlato in precedenza.

Disputano due incontri anche Giulia Pierucci nei 52 kg e Miriam Boi nei 57 kg. La prima supera per ippon il primo turno con l’atleta portoghese e poi si arrende di fronte alla numero 12 al mondo, la svizzera Evelyne Tscopp; la seconda supera agilmente l’atleta marocchina e poi non ce la fa con la rumena Corina Stefan, argento a Londra 2012 e due volte medaglia mondiale. Martina Lo Giudice si ferma invece al primo turno per mano del bronzo iridato di Chelyabinsk 2014, l’olandese Sanne Verhagen.

La Russia guida il medagliere per nazioni con un oro ed un argento, entrambi conseguiti nella categoria al limite dei 66 kg. Alle sue spalle troviamo in ordine il Brasile con un oro, un bronzo e due quinte piazze e la Spagna con un oro, un bronzo ed una quinta piazza. L’Italia dei volontari si trova al momento in dodicesima piazza.

48 kg 

1. PARETO, Paula (ARG)                               
2. COSTA, Catarina (POR)                               
3. FIGUEROA, Julia (ESP)
3. NIKOLIC, Milica (SRB)
5. MENZ, Katharina (GER)                                                       
5. MENEZES, Sarah (BRA)                                  
7. UNGUREANU, Monica (ROU)
7. RISHONY, Shira (ISR)

52 kg

1. PEREZ BOX, Ana (ESP)                                
2. PERENC, Agata (POL)                               
3. RAMOS, Joana (POR)                                                                                           
3. TSCHOPP, Evelyne (SUI)                                  
5. PIENKOWSKA, Karolina (POL)
5. KOCHER, Fabienne (SUI)                               
7. KUZNETSOVA, Alesya (RUS)
7. DELGADO, Angelica (USA)

57 kg

1. SILVA, Rafaela (BRA)
2. KLIMKAIT, Jessica (CAN)                                                             
3. ROPER, Miryam (PAN)                                                       
3. NELSON LEVY, Timna (ISR)                               
5. STEFAN, Corina (ROU)
5. SMYTHE-DAVIS, Nekoda (GBR)                               
7. OHAI, Loredana (ROU)
7. BOROWSKA, Anna (POL)

60 kg

1. TSJAKADOEA, Tornike (NED)                                                             
2. MKHEIDZE, Luka (FRA)
3. PULKRABEK, David (CZE)
3. PRECIADO, Lenin (ECU)                               
5. GARRIGOS, Francisco (ESP)
5. YASHUEV, Islam (RUS)                               
7. BASSOU, Issam (MAR)
7. PLAFKY, Moritz (GER)

66 kg

1. GRIGORYAN, Aram (RUS)
2. PULIAEV, Mikhail (RUS)                                                              
3. CHIBANA, Charles (BRA)                               
3. MANZI, Elios (ITA)                               
5. POLIAK, Matej (SVK)                                                             
5. CARGNIN, Daniel (BRA)                               
7. CRISOSTOMO, Joao (POR)
7. SCHEIBEL, Manuel (GER)

 


Commenta con Facebook

commenti

Leave a Reply