Ferrari: per un soffio!

Ferrari: per un soffio!

Sfuma la medaglia ma è una buona Italia anche quella della terza giornata di gara al mondiale under 21 di Lubijana: dopo il trionfo di Antonio Esposito ed il grande bronzo di Odette Giuffrida nella giornata di ieri, oggi è stata  Valeria Ferrari  ad arrivare ad un passo dalla medaglia.   Questa mattina estinta la [...]

Pubblicato da AC il 25 ott 2013 in Monza

Sfuma la medaglia ma è una buona Italia anche quella della terza giornata di gara al mondiale under 21 di Lubijana: dopo il trionfo di Antonio Esposito ed il grande bronzo di Odette Giuffrida nella giornata di ieri, oggi è stata  Valeria Ferrari  ad arrivare ad un passo dalla medaglia.

 

Questa mattina estinta la kazaka Zere Bektaskyzy con un imponente ippon di harai-makikomi, Valeria ha domato con sagacia anche la russa Dariko Gabaidze, regolando i conti dell’ultimo europeo; fermata ai quarti dalla nipponica Chizuru Arai, Valeria ha dovuto stringere i denti per continuare l’avventura mondiale: un infortunio non banale alla clavicola l’avrebbe fermata se non fosse stato per la caparbietà con cui intrepida finanziera ha scelto di affrontare i recuperi. Con tre sanzioni a favore, Valeria ha quindi annullato la fastidiosa Lola Mansour nell’incontro di recupero, accedendo alla finale per il bronzo. Ad un passo dalla medaglia, dopo un minuto ben gestito, l’azzurra è stata costretta a cedere al micidiale shime-waza della tedesca Szaundra Diedrich: è quinta.

 

Dopo il bronzo continentale dello scorso settembre, Valeria oggi avrebbe certo meritato il bis mondiale a chiusura di un percorso da record nei settori giovanili: prima – e unica – ad avere vinto l’oro mondiale tra i cadetti, l’azzurra è stata anche campionessa europea sempre tra gli under 17 e, tra le donne, detiene il primato di medaglie nei tour continentali cadetti e junior.  Dopo qualche anno tra le colleghe più pesanti dei 78 kg, negli ultimi mesi Valeria ha ritrovato la forma ottimale nella categoria inferiore, tornando a brillare tra le migliori d’Europa e del mondo.

 

Oggi brilla anche senza medaglia Valeria, brilla per una giornata agrodolce che resta a maggior ragione un punto di partenza per ciò che sarà da gennaio tra i “grandi”.

 

Tra gli altri azzurri in gara oggi, la migliore sul tatami è stata Simona Abate, fermata al secondo turno dopo una buona partenza con la dominicana Santa Jimenez; falsa partenza per la giovane Chiara Carminucci, per Raffaele D’Alessandro, Daniele Sciabola e Nicholas Mungai.

 

Domani sarà l’ultima giornata di gara per gli azzurri con il 100 kg Nicolas Damico.

 

Clicca qui per i risultati di oggi

 


Commenta con Facebook

commenti