Euro U23: Antonio Esposito argento, Giorgia Stangherlin bronzo

Euro U23: Antonio Esposito argento, Giorgia Stangherlin bronzo

La seconda giornata di gare degli Europei Under 23 di Tel Aviv si chiude con altre due medaglie per l’Italia in aggiunta al bronzo conquistato ieri da Andrea Gismondo nella categoria al limite dei 73 kg. Quest’oggi nella categoria al limite degli 81 kg, Antonio Esposito conquista la medaglia d’argento, in una categoria relativamente nuova per lui. Per Antonio è la terza medaglia in un Europeo U23. L’altra medaglia di oggi arriva grazie alla prestazione di Giorgia Stangherlin nella categoria al limite dei 78 kg. Un’ottima stagione per l’atleta veneta che s’era già portata a casa un’altra medaglia di bronzo importante agli europei juniores di Malaga lo scorso settembre. Con le tre medaglie portate a casa, l’Italia chiude il medagliere per Nazioni al 14esimo posto. A guidare la classifica troviamo la super potenza della Russia, seguita in ordine dall’Ucraina e d alla Georgia.

Pubblicato da Ennebi il 12 nov 2016 in Barcellona, ESP

La seconda giornata di gare degli Europei Under 23 di Tel Aviv si chiude con altre due medaglie per l’Italia in aggiunta al bronzo conquistato ieri da Andrea Gismondo nella categoria al limite dei 73 kg.

Quest’oggi nella categoria al limite degli 81 kg, Antonio Esposito conquista la medaglia d’argento, in una categoria relativamente nuova per lui. Sempre nella stessa competizione, lo scorso anno aveva raggiunto lo stesso risultato a Bratislava nella categoria inferiore dei 73 kg e l’anno prima, nel 2014,  era invece salito sul gradino più alto del podio a Wroclaw. Antonio Esposito si conferma uno dei protagonisti del judo nostrano: del resto non ci si poteva aspettare da meno da chi ha regalato all’Italia il primo titolo del mondo tra i maschi. Era il 24 ottobre del 2013 quando conquistò i campionati mondiali U21 di Ljubljana.

L’altra medaglia di oggi arriva grazie alla prestazione di Giorgia Stangherlin nella categoria al limite dei 78 kg. Un’ottima stagione per l’atleta veneta che s’era già portata a casa un’altra medaglia di bronzo importante agli europei juniores di Malaga lo scorso settembre.

Antonio Esposito disputa ben 5 incontri. Al primo turno eliminatorio supera senza problemi il moldavo Gotonoaga per uno yuko. E’ invece una sanzione ad assegnarli la vittoria nell’incontro successivo con il bulgaro Ivanov. Ai quarti di finale è la volta dell’atleta serbo, fatto fuori per ippon in due minuti e mezzo. In semifinale Antonio sfoggia un altro ippon ai danni dell’olandese Kellij. Arriva l’ora della finalissima, dove Antonio se la deve vedere con il georgiano Mchedlishvili, che vanta nel proprio palmares un titolo del mondo juniores, proprio come l’avversario italiano. Wazari e ippon decidono l’incontro e costringono Antonio alla seconda piazza.

U23-European-Judo-Championships-Tel-Aviv-2016-11-11-216288Giorgia Stangherlin disputa 4 incontri. Al primo turno fa fuori la lituana Dudenaite per yuko e ippon, chiudendo l’incontro in 1 minuto e 27 secondi. Ai quarti di finale cede il passo di fronte all’ungherese Salanki, per via di uno yuko. Ripescata, fa fuori prima la polacca Pacut, che subisce 3 shido, e poi nella finalina fa fuori l’altra polacca in gara in questa categoria, Kuluga, costringendola a subire due sanzioni.

Nei 70 kg, Alice Bellandi chiude in settima piazza con 4 incontri disputati. Al primo turno Alice s’impone di ippon sull’austriaca Polleres e replica l’ippon in 15 secondi al turno successivo con l’atleta tedesca Mueller. Ai quarti di finale, è l’atleta inglese Yeatsbrown, che poi chiuderà al secondo posto, a mandarla ai recuperi. Qui si arrende alla danese Sook.

In gara oggi per l’Italia vi erano anche Matteo Riva nei 100, che disputa due incontri, superando lo spagnolo Trillo Vlero e arrendendosi all’olandese Catharina. Nella stessa categoria è meno fortunato il brianzolo Davide Pozzi, che esce al primo turno per wazari per mano del portoghese Silva. Negli 81 kg, Christian Parlati uscito al primo turno per mano del cipriota Nikolaou. Stessa sorte per Nicola Becchetti nei +100 kg che si arrende all’ucraino Rudnyk. Tra le donne, nei 70 kg Carola Paissoni non supera il primo turno eliminatorio con l’ungherese Gercsak per via di uno shido.

Con le tre medaglie portate a casa, l’Italia chiude il medagliere per Nazioni al 14esimo posto. A guidare la classifica troviamo la super potenza della Russia, con ben 2 ori, 3 argenti e 5 bronzi conquistati, seguita in ordine dall’Ucraina con 2 ori e 1 bronzo e dalla Georgia con 2 ori. Avevamo già evidenziato in passato le ottime prestazioni di piccole realtà come la Serbia e il Kosovo che stanno crescendo sempre di più: a Tel Aviv chiudono il medagliere rispettivamente in ottava e decima posizione con con 1 oro e 1 bronzo e a fare la differenza in classifica sono le 3 settime piazze. Forse vale la pena sbirciare che cosa cosa stanno facendo dall’altra parte del Mediterraneo.

esposito


Commenta con Facebook

commenti