Euro 2017: seconda giornata amara per l’Italia

Euro 2017: seconda giornata amara per l’Italia

Giornata amara per l’Italia nella seconda giornata di gara degli Europei 2017.

Pubblicato da Ennebi il 21 apr 2017 in Barcellona, ESP

La seconda giornata dei campionati Europei di Varsavia non sorride all’Italia. Il miglior piazzamento azzurro viene da Edwige Gwend, che chiude a Varsavia in settima piazza.

Nella solita categoria al limite dei 63 kg, Edwige disputa tre incontri che si sono tutti chiusi al golden score. Al primo turno eliminatorio, l’atleta spagnola Puche viene fatta fori per differenza di sanzioni, 2 a 1. Al turno successivo,  la slovena Tina Trstenjak, numero 1 del ranking mondiale, è l’ostacolo per l’atleta parmense per accedere alla semifinale. Ancora una volta l’incontro si chiude al golden score e la vittoria viene assegnata per waza ari ai danni dell’atleta azzurra. Al primo incontro dei ripescaggi, Edwige affronta l’israeliana naturalizzata britannica, Alice Schlesinger. Ancora una volta al golden score, un waza-ari assegna la vittoria all’atleta britannica.

Carola Paissoni difende i colori azzurri nella categoria dei 70 kg. Parte bene superando al primo turno eliminatorio la belga Mansour al golden score. Al secondo turno arriva purtroppo la battuta di arresto per l’atleta piemontese: la francese Gahie, numero 4 al mondo, si porta dapprima in vantaggio per due waza ari per poi chiudere con un ippon. Chiuderà l’Europeo in terza piazza, mentre per Carola l’esperienza di Varsavia finisce qui.

In gara quest’oggi vi erano altri quattro italiani: nei 73 kg Leonardo Casaglia e Andrea Gismondo che non hanno superato il primo turno eliminatorio, il primo superato dal montenegrino Gusic, il secondo dallo svedese Macias; negli 81 kg Antonio Epsosito non supera al primo turno l’olandese numero 5 al mondo De Wit, mentre il turco Gulduren impedisce a Matteo Marconcini la scalata alla medaglia.

ACCEDI ALLE POUL COMPLETE

 

 


Commenta con Facebook

commenti