Euro 2014: cronistoria

Euro 2014: cronistoria

18.34 - Finalmente un ippon in finale per il primo posto: ce lo regala la francese Pavia, sotto gli applausi dei presenti. In finale ha superato la tedesca Roper. E’ Pavia la regina dei 57 kg. 18.20 - Nella finale tutta francese e’ Loic Korval (detto Lulu) a conquistare l’oro contro il connazionale David Larose. 17.55 – [...]

Pubblicato da Ennebi il 24 apr 2014 in Montpellier

18.34 - Finalmente un ippon in finale per il primo posto: ce lo regala la francese Pavia, sotto gli applausi dei presenti. In finale ha superato la tedesca Roper. E’ Pavia la regina dei 57 kg.

18.20 - Nella finale tutta francese e’ Loic Korval (detto Lulu) a conquistare l’oro contro il connazionale David Larose.

17.55 – Nei 52 kg e’ Majlinda Kelmendi a vincere il suo primo titolo d’Europa, grazie ad uno yuko a sfavore della russa Natalia Kutiutina. Prima finale dove le sanzioni non sono state decisive.

17.31 – Tiratissima la finale dei 60 kg tra il russo Beslan Mudranov e il georgiano Amiran Papinashvili, aggiudicata dal primo dei due al golden score, dopo 26 secondi, ancora una volta per uno shido.

17.11 – La padrona di casa Amandine Buchard a causa di uno shido si deve accontentare della seconda pizza, lasciando il titolo di regina d’Europa dei 48kg alla ungherese Eva Csernoviczki. L’incontro e’ stato deciso al golden score, dopo che i tempi regolamentari erano finiti con un wazari  e uno shido ciascuno.

16.59 – Niente da fare per Valentina Moscatt che si ferma ai piedi del podio. Nella finalina per il bronzo e’ l’ucraina Maryna Cherniak a proiettarla sulla schiena grazie ad un o uchi gari.

16.24 – Un altro incontro deciso per shido: questa volta la vittoria e’ andata alla nostra Valentina Moscatt a scapito della spagnola Julia Figueroa Pen. Il tempo regolamentare e’ finito in parita’ con nessuna delle due atlete che ha segnato un punto, ma entrambe con due sanzioni a testa. Al golden score e’ stata finalmente premiata la maggiore attivita’ dell’atleta torinese.

14.19 – La gara e’ sospesa fino alle 16.15. In gara l’unica atleta italiana ancora in gioco e’ Valentina Moscatt che affronterà nel primo incontro di recupero  la spagnola Julia Figueroa Pena.

13.17 – Incontro deciso per sanzioni quello tra Elio Verde e Davide Larose, rispettivamente tre a due. Ancora una volta alla sua sedia il tecnico Dario Romano. Tuttavia, le ultime due sanzioni subite dall’italiano sembrano alquanto dubbie. Peccato.

13.08 – Niente da fare per Valentina Moscatt che si arrende per strangolamento all’atleta russa Kristina Rumyantseva.  La aspettano i recuperi.

12.44 - Valentina Moscatt supera l’atleta turca Lokmanhekim per waza-ari. Ora dovra’ affrontare la russa Kristina Rumyantseva, che la precede di una posizione nella ranking mondiale.

12.40 – Odette Giuffrida nonostante la grinta e la determinazione non riesce a superare la  la rumena Alexandra Larisa Florian, dopo aver subito waza-ari e yuko all’inizio dell’incontro.

12.28 – Emanuele Bruno non ce la fa con il polacco Pawel Zagrodnik, in un incontro pieno di sanzioni da ambo le parti, tre per l’atleta romano e due per l’atleta della Polonia. A decidere l’incontro uno yoko che Emanuele ha subito sul bordo dell’area di combattimento in modo alquanto goffo. L’impressione e’ che avrebbe potuta farcela, ma qualcosa e’ mancato.

12.10 - Elio Verde ha superato senza problemi l’ungherese Gabor Hagyo, grazie ad un ippon di seoi nage a 1’ e 13’’ dal termine dell’incontro. Alla sua sedia Dario Romani. Ora dovra’ affrontare il francese David Larose, numero 4 della ranking mondiale.

11.50 - In contemporanea si e’ svolto l’incontro dell’altro 60 kg in gara, il torinese Fabio Basile, che si e’ comportato bene con l’esperto austriaco Ludwig Paischer, già vice campione del mondo e vice campione olimpico. Numerose le azioni in cui Fabio si e’ dovuto difendere dagli attacchi dell’austriaco durante la lotta a terra. Fabio tuttavia ha avuto un ottimo atteggiamento e forse ad un eventuale golden score avrebbe potuto portare a casa l’incontro. Alla sua sedia il presidente della Commissione Tecnica Nazionale, Raffaele Toniolo. L’incontro di Fabio si e’ concluso a causa di una sola passività.

11.48 – Dopo 5 minuti abbondanti a bordo tatami per problemi tecnici al video, Carmine Maria Di Loreto inzia il proprio incontro con l’ucraino Denys Bilichenko, numero 121 del ranking mondiale. Subito in svantaggio di yuko, a due minuti dalla fine Carmine riesce a segnare un delizioso wazari. Purtroppo l’azione successiva gli e’ fatale a causa di un ko uchi gari che lo scaraventa a terra. L’azione dapprima giudicata wazari, e’ stata poi modificata in ippon dai due giudici del Care System.

 

 

 

 

 

 

 


Commenta con Facebook

commenti