EruoU21: dopo le nuvole, azzurro!

EruoU21: dopo le nuvole, azzurro!

Non è stata un’Italia brillante quella della seconda giornata dei Campionati Europei Juniores di Bucarest: qualche ingenuità di troppo non ha permesso agli azzurri delle categorie pesanti di ripetere il successo dei colleghi in gara ieri. La migliore di oggi è stata Alessandra Prosdocimo, settima classificata nei 70 kg; più “spreconi” i colleghi Greci, Paissoni, [...]

Pubblicato da AC il 22 set 2014 in Bucarest

Non è stata un’Italia brillante quella della seconda giornata dei Campionati Europei Juniores di Bucarest: qualche ingenuità di troppo non ha permesso agli azzurri delle categorie pesanti di ripetere il successo dei colleghi in gara ieri.

La migliore di oggi è stata Alessandra Prosdocimo, settima classificata nei 70 kg; più “spreconi” i colleghi Greci, Paissoni, Rosetta, Pozzi, Damico, Riva, Moreno che in più occasioni non hanno avuto mordente a sufficienza per giocare al meglio le proprie carte.

Al termine della gara individuale nel cielo di Bucarest è però tornato il sole: il bottino della spedizione azzurra all’europeo è storico! Per la prima volta l’Italia è padrona del medagliere per nazione, dominato con due ori, un argento, un bronzo e tre settimi posti. Quello di quest’anno è anche il “personal best” italiano in questa gara, superando l’ottima performance del 2010 quando le medaglie conquistante furono cinque ma con un solo oro. Al secondo posto tra le nazioni di Bucarest la Georgia (1 3 1), seguita da Olanda (1 2 2) e dalla Francia che con un oro, un argento e sette medaglie di bronzo è la nazione con più atleti sul podio.

“Lo storico risultato di questo gruppo è il segno che su di loro i club e la Federazione in questi anni ha lavorato bene!” Ha commentato il DTN Raffaele Toniolo. “Alcuni di loro sono gli stessi di Teplice 2010 quando le medaglie furono sette e quel gruppo oggi è ulteriormente rafforzato dall’ingresso di ragazzi validi del 95 e del 96 ed anche da alcuni cadetti capaci di tener testa ai colleghi più grandi. Se pensiamo che siamo arrivati primi benché alcuni non siano riusciti ad esprimersi al meglio, significa che in Italia siamo forti e questo ci inorgoglisce….e può inorgoglire tutta l’Italia! Siamo forti e possiamo esserlo ancora di più…”

Domani gli azzurri saranno impegnati nella gara a squadre che al primo turno vedrà i ragazzi alle prese con un’ostica formazione olandese e le ragazze schierate di fronte alla Serbia.

Clicca qui per i risultati


Commenta con Facebook

commenti