Eleonora Geri brilla a Lignano

Eleonora Geri brilla a Lignano

Eleonora Geri brilla a Lignano conquistando la medaglia d’oro tra le massime. Confermandosi in ottima forma dopo il lungo stop dello scorso anno, Eleonora si è ripresa la medaglia d’oro sfuggita nella prima tappa del circuito internazionale juniores a Coimbra e rimane ben salda sul podio. In bronzo oggi anche Davide Pozzi, protagonista di una [...]

Pubblicato da AC il 29 mar 2015 in Lignano Sabbdoro

Eleonora Geri brilla a Lignano conquistando la medaglia d’oro tra le massime. Confermandosi in ottima forma dopo il lungo stop dello scorso anno, Eleonora si è ripresa la medaglia d’oro sfuggita nella prima tappa del circuito internazionale juniores a Coimbra e rimane ben salda sul podio. In bronzo oggi anche Davide Pozzi, protagonista di una buona giornata di gara.

 

Capitata in partenza con la finalista di Coimbra per un errore di ranking, Eleonora si è tolta un grosso sasso dalla scarpa lanciando Vasylyna Kyrychenko in un poderoso o-uchi-gari. In semifinale la toscana ha ben gestito e superato l’ungherese Mercedesz Szigetvari accedendo quindi alla finalissima con la polacca Anna Zalaczena schiantata con una bomba in o-goshi. “Mi ero imposta di vincere il primo” ha commentato Eleonora a fine giornata “avevo un debito con l’Ucraina dall’ultima gara…ora penso già a settimana prossima, a Pasqua infatti sarò di nuovo in gara ad Atene.”

 

Medaglia di Bronzo per Davide Pozzi, che resta sul podio dopo l’argento di Coimbra. Il brianzolo si ha superato l’ungherese Balazs Tornyos ingabbiato al suolo e si è imposto sull’azero Gurban Gurbanov in una lotta infervorata, conclusa in shime-waza al golden score; in semifinale, per l’azzurro sono state fatali le lunghe leve del serbo Slobodan Djorda che ha spuntato lo yuko della vittoria.  In un acceso derby azzurro, Davide ha quindi ottenuto il terzo gradino del podio imponendosi sul collega Claudio Pepoli.

 

Quinto posto per Lorenzo Todini, che in una categoria davvero ostica ha dato battaglia ad atleti ben esperti: il toscano si è imposto sul serbo Djukanovic e sul rumeno Vasian, cedendo quindi il passo al polacco Kuczera; nei recuperi è stato ancora l’azzurro ha dire la sua con l’ungherese Bereniy e col polacco Glowacki, cedendo purtroppo in finale col fastidioso ungherese Ohat.

 

Quinto anche Claudio Pepoli che partito alla grande col serbo Nikolic, si è dovuto inchinare al re della giornata Jalil Shukurov (AZE); recupero positivo col romano che si è imposto sullo sloveno Sajher e sul tedesco Jusufi, prima di incontrare il compagno Davide Pozzi.

 

Quinta piazza nei massimi per Andres Felipe Moreno, che ha lanciato l’islandese Stefansson ed il tedesco Noak, ma è stato fermato dal colosso bosniaco Harun Sadikovic; nella finale per il bronzo, fatale per l’azzurro il poderoso sloveno Rok Polajzer.

 

Ai piedi del podio anche Alice Cipriani, alla sua prima internazionale nei 63 kg; la romana è ben partita con la polacca Wykupil ma è stata fermata dall’inglese Katiajemina Yeatsbrown; ai recuperi Alice si è quindi imposta sulla tedesca Dietzer e sulla norvegese Bolander, prima del fatale incontro con la francese Clemence Eme.

 

Il quinto quinto posto è andato a Daniela Vocolodi che partita bene con la slovena Kraljic è stata fermata dalla tedesca Donath; nei recuperi, positivo l’incontro con la slovena Torkar ma fatale l’ungherese Fanni Toth.

 

L’ultima quinta piazza della giornata è andata alla calabrese Debora Sala, che ha avuto la meglio sulla polacca Zaleczna nell’incontro di partenza, ma si è fermata dinnanzi alle ungheresi Varga e alla Szigetvari.

 

Con due ori, tre argenti e tre bronzi, l’Italia guadagna la seconda posizione nel medagliere per nazioni, conquistato dalla potente formazione azera che di ori neu ha ottenuti ben cinque, insieme a un argento e tre bronzi. Sul terzo gradino del posio la Romania con due medaglie d’oro e una di bronzo.

 

Positivo anche sul piano organizzativo il bilancio della due giorni di Lignano: la tappa azzurra del circuito internazionale juniores firmata Kuroki Tarcento si è confermata di ottimo livello anche grazie all’introduzione di alcune apprezzate novità come il doppio care system.

 

La prossima tappa del World Tour Under 21 sarà ad Atene nel week-end di Pasqua.

 

 

 

 

 

 



Commenta con Facebook

commenti