EJO Odivelas: Luca Ardizio è bronzo! Regis e Bruno quinti.

EJO Odivelas: Luca Ardizio è bronzo! Regis e Bruno quinti.

Mentre le ragazze erano impegnate a Sofia (Bulgaria), la tappa maschile dell’EJO si svolgeva a Odivelas (Portogallo).
Sul tatami lusitano sono saliti 9 azzurri e al termine dei due giorni si torna a casa con 1 medaglia di bronzo conquistata da Luca Ardizio (-100) e due quinti posti rispettivamente con Emanuele Bruno (-73) e Andrea Regis (-81).

Pubblicato da AleC il 4 feb 2019 in Iglesias

Mentre le ragazze erano impegnate a Sofia (Bulgaria), la tappa maschile dell’EJO si svolgeva a Odivelas (Portogallo).
Sul tatami lusitano sono saliti 9 azzurri e al termine dei due giorni si torna a casa con 1 medaglia di bronzo conquistata da Luca Ardizio (-100) e due quinti posti rispettivamente con Emanuele Bruno (-73) e Andrea Regis (-81).

Luca Ardizio al primo turno il portoghese Ailton Cardoso, al secondo il tedesco Philipp Galandi ma ai quarti è sconfitto dal romeno Ionut Vasian. Nei recuperi sconfigge nel derby tricolore Davide Pozzi accedendo alla finale per il bronzo dove supera lo slovacco Matej Hajas.
Queste le parole di Luca rilasciateci dopo la gara:

La gara è arrivata alla fine di un lungo periodo di carico, e nonostante non mi sentissi al 100% e dopo aver commesso qualche errore, soon contento di aver conquistato questa medaglia, anche se non è del colore che desideravo. Vorrei ringraziare l’Arma dei Carabinieri e tutto lo staff del Centro Sportivo “.

Stesso percorso per Emanuele Bruno e Andrea Regis.
Emanuele Bruno arriva in semifinale superando il francese Mickael Dubois, l’ucraino Dmytro Kanivets e il romeno Laszlo David. Nell’ultimo atto prima della finalissima è sconfitto dal francese Pierre Duprat e nella finale per il bronzo dal russo Feliks Galuaev.
Queste le sue parole a fine gara:

Inizio col dire che dopo 5 incontri disputati rimane l’amarezza di essere rimasto fuori dal podio per un soffio. Ma dato lo stop di sei mesi dalle gare dovuto ad uno strappo muscolare, direi di aver dimostrato di essere tornato in pista e che sono pronto ad affrontare  e a battere i big della mia categoria. Ovviamente possibilità della nazionale permettendo :)

Per quanto riguarda Andrea Regis lascio direttamente alle sue parole l’analisi della gara:

In Portogallo ho deciso di mettermi in gioco. Negli ultimi 3 anni le operazioni e gli infortuni hanno condizionato  molto la mia preparazione fisica e mentale, ma ora sono di nuovo pronto.
Faccio Judo perchè mi diverto a farlo, è la mia sana droga quotidiana (se così si può dire). Ieri al primo incontro ho commesso un errore contro  un atleta esperto il brasiliano Leandro Guilheiro (due volte medaglia olimpica), ma in zona Cesarini sono riuscito a rimontare. Il secondo invece, col francese Maxime Flament, è stato più semplice tatticamente perchè da subito ho capito che mi permetteva di fare quello che piaceva a me. Agli ottavi lo spagnolo Josè Maria Mendiola Izquieta è entrato sul tatami agguerrito (con lui avevo perso lo scorso anno a Madrid) ma al golden score sono riuscito a pescarlo con una tecnica a metà tra sumi-gaeshi e tomoe-nage.
Arriviamo ai quarti dove il britannico Stuart Mcwatt mi blocca la strada verso la semifinale. Subisco un waza-ari su un mio errore, che poi non sono riuscito a rimontare. Nei recuperi supero lo spagnolo Igor Herrero, ma nella finale per il bronzo il francese Jonathan Allardon mi ha sorpreso, gli ho lasciato l’opportunità a terra di prendermi il collo e lui non si è fatto  tanto pregare.
Peccato, ma si va avanti, la testa è già a Roma tra due settimane: voglio dimostrare di essere pronto e lo sarò “.

Gli altri azzurri in gara. Gabriele Sulli (-73) supera l’haitiano Phillipe Abel Metellus ma è poi sconfitto dallo svizzero Nils Stump. Rene Villanello (-73) è sconfitto al primo incontro dal francese Pierre Duprat. Massimiliano Carollo (-81) supera al primo incontro lo spagnolo Adrian Ponce Canales ma è poi sconfitto dal francese Jonathan Allardon. Kenny Komi Bedel (-81) supera al primo turno il russo Dmitriy Rybin ed è poi sconfitto dallo spagnolo Javier Gallego Perez Olivares. Davide Pozzi (-100) vince al primo incontro con lo spagnolo Pedro Paolo Gonzalez Navarro ma è poi sconfitto ai quarti dal francese Cedric Olivar. Nei recuperi perde il derby italiano con Luca Ardizio. Andres Felipe Moreno (-100) dopo l’esordio vincente con l’azero Suleyman Yagubov è sconfitto dal russo Merab Margiev.

Leggi anche:
EJO Sofia: Giorgia Stangherlin trionfa in Bulgaria!

 

Banner WordPress1