Editoriale: Italiajudo tra presente, passato e futuro

Editoriale: Italiajudo tra presente, passato e futuro

L’Editoriale del numero 0 di Italiajudo Manazine, pubblicato il 12 dicembre 2015 in occasione dei Campionati Italiani Assoluti di Torino 2015.

Pubblicato da Ennebi il 12 dic 2015 in Torino

Italiajudo Magazine – 12 dicembre 2015. Nelle prossime settimane Italiajudo si appresta a celebrare cinque anni di attivitá. Chi l’avrebbe mai detto! In questo lustro abbiamo vissuto insieme momenti importanti e significativi dello scenario judoistico italiano, in un percorso che ci ha affermati leader nell’informazione specializzata nel mondo del judo. Il percorso che ci ha visto protagonisti è stato non privo di difficoltà, superate tuttavia con l’entusiasmo e la motivazione di chi si sente parte di una squadra vincente. La mission che ci ha animato è oggi piú attuale che mai, ovvero creare un luogo di partecipazione, proposta, elaborazione e confronto sul mondo del judo. In questo lustro abbiamo raggiunto un pubblico vastissimo: superate le 2 milioni e mezzo di visualizzazioni, abbiamo ospitato 250 mila differenti utenti, con una permanenza media di 2,30 minuti per ogni accesso. Il mio pensiero e il mio ringraziamento va dunque a tutti i nostri lettori e ai tantissimi volontari che in questo periodo ci hanno dato un mano. E’ solo grazie a loro che siamo riusciti a stravolgere il modo di comunicare all’interno del nostro mondo, siamo diventati un punto di riferimento per molti, acerimmi nemici per altri. La veritá è che siamo un canale indipendente, che si esprime liberamente con l’obiettivo, seppure ambizioso, di vedere il movimento jodoistico italiano crescere in modo esponenziale. Il confronto resta la pietra miliare dove costruire il nostro futuro, che non è solo Olimpiadi ed agonismo. Anzi! Quest’ultimo aspetto rappresenta una parte senz’altro importante, ma non è l’essenza che anima il nostro movimento. Piuttosto esso si basa sui valori di rispetto, amicizia, passione e lealtá caratteristici della nostra disciplina marziale. Di qui, la precisazione è doverosa: Italiajudo è un moviemento che abbraccia tutti i judoka, non solo i campioni, entrando nella loro quotidianeitá per poter discutere dei problemi di tutti i giorni, ma anche delle emozioni, delle vittorie, dei successi e delle ambizioni in ogni campo.

Tornando ai nostri primi passi, ricordo come fosse ieri quando decidemmo di pubblicare on-line i video degli incontri delle maggiori competizioni italiane. Fummo dei pionieri in patria, quando in Europa e nel mondo i video degli incontri non erano ancora lo standard, come sono invece oggi. Ci siamo piú volte rinnovati tenendo sempre bene a mente qual é la nostra mission, che è stata e continua ad essere generatore di entusiasmo e motivazione. Tra i successi che abbiamo ottenuto, come non citare l’organizzazione – con ben 74 italiani partecpanti – della trasferta di Parigi 2011 dove siamo andati a tifare per la nostra nazionale in occasione dei campionati del mondo; oppure la collaborazione con un primario mensile specializzato durata da settembre 2012 a dicembre 2014 grazie alla quale abbiamo ri-portato in maniera costante e periodica contenuti relativi al judo sulla carta stampata, ri-animando la concorrenza in un settore – quello cartaceo – del tutto in crisi; o ancora l’aver svolto attivitá di consulenza organizzativa e mediatica alle maggiori competizioni italiane; o l’aver investito nell’editoria nel libro per bambini (ma non solo) che racconta le avvenuture di IGEI, il drago che a causa della sua somiglianza ad un pollo è deriso e messo alla berlina dagli altri draghetti compagni di scuola. Una storia di diversitá, di amore, di amicizia e di passione i cui principii dovrebbero animare – a mio parere – ogni judoka.

Con il nostro slogan “do more, be more” invitiamo i nostri lettori ad osare di piú al fine di essere migliori. Osare ci permette, infatti, di sperimentare diverse strade, persino l’insuccesso, per capire la via piú opportuna per il percorso che ci consente di crescere e quindi – si spera – di essere delle persone migliori. Non è forse questo il Judo?

L’augurio che faccio a Italiajudo, e conseguentemente a tutto il movimento che esso abbraccia, è di poter vivere ancora esperienze come quelle già vissute, di avere la capacità e la fortuna di poter scegliere il proprio percorso, di continuare a gioire ed emozionarsi attraverso il proprio lavoro, di sentirsi protagonisti e al tempo stesso servitori di una giusta causa. Il futuro di Italiajudo continuerá ad essere il confronto sulla realtá che viviamo,  nel rispetto dei valori di passione, amiciza, lealtá e mutua prosperitá.

 

La prossima imminente sfida che coinvolge tutto il movimento judoistico italiano sta ora nel valorizzare le eccellenze e le intelligenze, non necessariamente già affermate, affinchè siano un vero motore di aggregazione, dialogo, crescita e sviluppo sociale. Con questo augurio innauguriamo quest’oggi una nuova iniziativa che ci accompagnerá una volta l’anno in occasione dei Campionati Italiani Assoluti: Italiajudo Magazine. Un giornale da poter leggere tutto l’anno e per questo motivo privo di riferimenti ai risultati di gare recenti. Come sempre, la vostra opinione per noi è importantissima, per cui vi invito a scriverci i vostri commenti.

 

Buona lettura,

Ennebi

nicandro.buono@italiajudo.com

@NicandroBuono (Twitter)


Commenta con Facebook

commenti