D’Arco e Vocolodi quinti a Praga

D’Arco e Vocolodi quinti a Praga

Si conclude con una doppietta ai piedi del podio la trasferta azzurra in Repubblica Ceca: Salvatore D’Arco e Daniela Vocolodi si sono piazzati al quinto posto nell’European Cup Junior di Praga. Un quinto posto di peso quello di Salvatore, protagonista di ben sette incontri di ottimo livello. Partito cauto con l’ucraino Kruk, superato col vantaggio [...]

Pubblicato da AC il 26 lug 2015 in Praga

Si conclude con una doppietta ai piedi del podio la trasferta azzurra in Repubblica Ceca: Salvatore D’Arco e Daniela Vocolodi si sono piazzati al quinto posto nell’European Cup Junior di Praga.

Un quinto posto di peso quello di Salvatore, protagonista di ben sette incontri di ottimo livello. Partito cauto con l’ucraino Kruk, superato col vantaggio di una sanzione, il napoletano ha schiantato Anri Egutidze, il portoghese di sangue georgiano prima testa di serie della giornata; combattutissimo il terzo incontro col bielorusso Kliavusau, che ha avuto la meglio sull’azzurro per due sanzioni, nonostante il grande equilibrio mantenuto per tutto l’incontro. Ai recuperi Salvatore è tornato a dire la sua contro l’ostico terzetto ungherese: yuko di seoi-nage a Veres, waza-ari e yuko in contraccolpo a Kanyasi, un fulmineo ippon schivando e rientrando a Kordely.  Fatale Purtoppo lo scontro per la medaglia con l’ucraino Viktor Makukha, che ha sorpreso il napoletano con un fulmineo uchi-mata.

Quinta classificata anche Daniela Vocolodi, fulminata in apertura dalla talentuosa croata Brigita Matic; vinto il recupero con la padrona di casa Alice Matejckova, è stato rapidissimo il koshi-guruma dell’ungherese Fanny Toth, che le ha tagliato la strada in finale.

La prossima settimana il circuito mondiale Under 21 farà tappa a Berlino per il penultimo infernale appuntamento della stagione: l’Italia sarà rappresentata anche da una selezione ufficiale juniores con Carlino, Casaglia, Gismondo, Pepoli, Pozzi, Passa, Ritieni, Giorda, Pierucci, Simeoli, Prosdocimo, Stangherlin e Geri.

 

 


 


Commenta con Facebook

commenti