Correva l’anno…1963

Correva l’anno…1963

La puntata di oggi della nostra rubrica è dedicata ad uno dei pionieri del judo italiano: Bruno Carmeni

Pubblicato da A. Cau il 17 giu 2016 in Iglesias

Amiche e amici di Italiajudo, la rubrica “Correva l’anno”, ci porta nel 1963 e protagonista è Bruno Carmeni.

Campionati Europei di Ginevra. Bruno Carmeni gareggia nella categoria -68 Kg, dove si aggiudica la medaglia d’argento, prima medaglia nei pesi leggeri del judo italiano a livello Europeo.

Partecipò alle Olimpiade di Tokyo nel 1964, uscendo nel primo turno eliminatorio dove vinse il primo incontro per kinsa contro il taiwanese Chang Won-Ku, ma venne sconfitto nel secondo dal francese Lesturgeon Gaston.

Ai Campionati Nazionali Senior ha conquistato 2 ori, 1 argento 2 bronzi.

Al termine dell’Olimpiade di Tokyo, gli venne offerta una borsa di studio per frequentare l’università di Tenri (Nara). Nei due anni in Giappone potè studiare la lingua giapponese e formarsi judoisticamente sotto la guida di illustri Maestri quali: Ken Noritomo Otani, Kotani, Ebii, Matsumoto, Daigo, Osawa e Hashimoto.

Al termine dell’attività agonistica dal 1971 al 1992 ha ricoperto il ruolo di allenatore della Nazionale Juniores, di quella Universitaria e della Federazione Italiana Sport Disabili (FISD) e di cui diviene DT della sezione Judo.

Nel 1971 è nominato primo docente presso la neonata Accademia Nazionale Italiana Judo.

Nel 1976 e membro della Commissione Nazionale Avanzamento di Grado e Qualifica e nel 1978 membro della Consulta Tecnica Nazionale Federale.

Tra il 1984 e il 2001 è docente nei Corsi di Aggiornamento per Insegnanti Tecnici.

Divenuto membro del Comitato Paralimpico Internazionale, collaborò con la IJF e con le varie Federazioni Continentali, e ricoprì per ben 6 Paralimpiadi il ruolo di tecnico delegato.

Tiene numerosi corsi, conferenze in giro per il mondo ed è autore di numerosi testi sulla pedagogia dell’insegnamento ai bambini, pedagogia e psicologia del judo, sui kata, sulla cultura del judo.

 

Palmares Carmeni


Commenta con Facebook

commenti