Coppa Italia: le donne!

Coppa Italia: le donne!

A Follonica, nella domenica dedicata alle donne, il Palagolfo è letteralmente invaso da una fiumana di judoka, tanto che hanno oscurato i tatami coi loro piedi (grazie Erodoto per la citazione). Questi numeri in virtù dell’eliminazione delle qualificazioni regionali. Non stiamo qui a discutere se è opportuna decisione o meno, sicuro è che offre la [...]

Pubblicato da MG il 17 giu 2014 in Como

A Follonica, nella domenica dedicata alle donne, il Palagolfo è letteralmente invaso da una fiumana di judoka, tanto che hanno oscurato i tatami coi loro piedi (grazie Erodoto per la citazione).

Questi numeri in virtù dell’eliminazione delle qualificazioni regionali. Non stiamo qui a discutere se è opportuna decisione o meno, sicuro è che offre la possibilità a tutte di combattere in una finale nazionale.
Iniziamo dai -48 kg. La romana Francesca Milano fa sua la categoria, forse un po’ a sorpresa vincendo la finale con Anna Bartole. Bronzi per Patrizia De Luigi (regolare è l’aggettivo giusto visto gli ultimo risultati) e Roberta Cappello, alla quale dobbiamo fare tanto di ‘cappello’ (chiedo perdono per il gioco di parole) in quanto è una pura -44kg.
Nei -52 kg, la veterana inossidabile Elen Merelli si riaggiudica il titolo dopo quello del 2013 non lasciando spazio alle altre. Argento alla giovane Rebecca Conti, terze Rossana Gentile dall’antica Magna Grecia (Crotone)  e la bergamasca Elisa Fusari.
La finale -57 kg era forse la più interessante sulla carta. Un remake della finale 2011 tra le due amiche rivali Anna Righetti e Valeria Raimondi.

Un remake non molto movimentato a dire il vero, ma si sa i sequel non sono mai come gli originali. Due shido ad uno per la Righetti, che continua la striscia di medaglie, ed argento alla Raimondi, quarta medaglia consecutiva in Coppa, definitivamente casa sua. Bronzi per due giovani, Giulia Caggiano e Cristina Piccin (bronzo Assoluto 2012).
Vittoria di Francesca Busto nei -63 kg, a sorpresa scesa di categoria. Si impone con decisione e fa suo l’oro, lasciando l’argento a Giorgia Dalla Corte ed i bronzi alla ligure Giorgia Mancioppi e alla udinese Ñaura Scano (chi non muore, si rivede e si rivede sul podio).

Ilaria Peirano, Sara Bergamo, Debora Vendrame e Giulia Aragozzini compongono il podio delle -70 kg. Se le due di bronzo sono una presenza più o meno fissa su questo podio, le prime due sono inedite. Soprattutto, la torinese Peirano, classe 1995, conquista il titolo che fa ben sperare in ottica futura.

-78 kg appannaggio della solida Linda Politi, che batte in finale la fiorentina Daniela Vocolodi. Bronzi per Angelica Dalla Corte e Chiara Meucci.
Categoria massima ancora una volta vinta da Tania Ferrera, una sicurezza (facciamo copia e incolla l’anno prossimo?). Seconda una brava Jessica Zannoni da San Marino e terze la lombarda Valentina Turla e l’abruzzese Natasha Di Fabio.

Nel complesso, un’ottima edizione di Coppa Italia sia maschile che femminile per numeri e ‘numeri’; una buona organizzazione e un clima da spiaggia hanno reso, poi, il tutto ancor più gradevole.
Complimenti a tutti i vincitori, medagliati, tecnici e chiunque abbia combattuto con tutte le armo a propria disposizione. Vincere è un’arte, ma combattere è una missione.
Alla prossima dall’MG!


Commenta con Facebook

commenti