Christian Parlati brilla a Teplice

Christian Parlati brilla a Teplice

E’ ancora d’oro l’Italia dei giovani impegnati a Teplice: oggi, nella seconda giornata di gara Christian Parlati è tornato a brillare per la seconda volta in Coppa Europa volta dopo il successo dello scorso febbraio a Zagabria. Con Christian, sul podio anche Alice Bellandi, alla sua prima medaglia internazionale. Giornata dunque perfetta per il sagace [...]

Pubblicato da AC il 12 apr 2015 in Monza

E’ ancora d’oro l’Italia dei giovani impegnati a Teplice: oggi, nella seconda giornata di gara Christian Parlati è tornato a brillare per la seconda volta in Coppa Europa volta dopo il successo dello scorso febbraio a Zagabria. Con Christian, sul podio anche Alice Bellandi, alla sua prima medaglia internazionale.

Giornata dunque perfetta per il sagace napoletano che ha combattuto con determinazione per sei incontri schiantando il montenegrino Kustudic ed il tedesco Doll in apertura, quindi imponendosi con destrezza sul tedesco Limmer, sullo slovacco Smida e sul finlandese Oskari Makinen nell’incontro di semifinale. E’ stato ancora Christian il protagonista indiscusso della finalissima con l’israeliano Dilan Rechister che non ha potuto che inchinarsi alla caparbietà partenopea.

Medaglia d’argento per la bresciana Alice Bellandi, che dopo la quinta piazza di Follonica, si è imposta autoritaria sul podio. Indisturbata negli incontri eliminatori, l’azzurrina ha superato il terzetto tedesco Heinz-Zenker-Gantner, imponendosi quindi con tenacia anche con la bulgara Stoyanova. Sfumata purtroppo la finalissima in cui l’ennesima tedesca Alina Bohem ha “vendicato” le compagne, frenando ineluttabile Alice.

Quinta piazza per Ilaria Qualizza che nella stessa categoria di Alice non è riuscita a confermare il bronzo della passata edizione. Per la piemontese due turni abilmente superati con la tedesca Freitage e con l’ungherese Balog, prima del fatale incontro con la bulgara Stoyanova; positivo il ripescaggio con l’olandese Harselaar e con la tedesca Gantner, eliminate con determinazione ma è stata purtroppo fatale la slovena Zala Pecorer che le ha tagliato la strada nella finale per il bronzo.

In zona punti anche Flavia Favorini e Anna Fortunio, settime classificate rispettivamente nei 57 e nei 63 kg.

E’ rimasto sul podio il team azzurro che con sette medaglie (2 ori 3 argenti 2 bronzi) si è piazzato al terzo posto della classifica per nazioni, dietro a Germania (3 3 5) e Olanda (3 2 2), confermando ancora una volta le ottime potenzialità dei giovani italiani.

Da domani il team azzurro si fermerà a Teplice per partecipare al training camp organizzato dopo la gara. Il prossimo appuntamento internazionale per i giovanissimi sarà a il 2-3 maggio a Berlino, per un’altra tappa più che impegnativa del World Tour che guarda all’estate “iridata” dei mondiali under 18 di Sarajevo.

 

Clicca qui per i risultati

Foto by Franco Di Capua

 


Commenta con Facebook

commenti