Catania: a segno i sette tricolori maschili

 06/04/2013- Inebriante il pomeriggio catanese che mette il sigillo sulla prima giornata dei Tricolori Assoluti2013. Se la mattinata è stata infatti occasione di conferme, la seconda parte della giornata al contrario ha regalato piacevoli sorprese.   Ad imporsi nella categoria al limite degli 81 kg un ritrovato Giovanni Carollo, che dopo un’ottima giornata ha ingabbiato al suolo Luca Poetanell’incontro [...]

Pubblicato da A.C il 9 set 2013 in Milano

 06/04/2013- Inebriante il pomeriggio catanese che mette il sigillo sulla prima giornata dei Tricolori Assoluti2013. Se la mattinata è stata infatti occasione di conferme, la seconda parte della giornata al contrario ha regalato piacevoli sorprese.

 

Ad imporsi nella categoria al limite degli 81 kg un ritrovato Giovanni Carollo, che dopo un’ottima giornata ha ingabbiato al suolo Luca Poetanell’incontro di finale. Le medaglie di bronzo sono andate a Giuseppe Barbato e Diego Giorgis, protagonisti di due finali ampiamente discusse in cui il protagonista è stato il care-system. Quinta piazza per Daniele Sciabola e Raffaele D’alessandro.

 

Al suo rientro sul tatami tricolore, Lorenzo Bagnoli non s’è fatto passare per inosservato, conquistando il titolo dei 90 kg. Nell’incontro di finale col giovane Fabio Miranda, le sue lunghe micidiali leve ancora una volta gli sono valse un poderoso ippon al corcevia tra o-soto-gari e harai-goshi. Terzo posto per Alessandro Boldetti e Giuliano Loporchio che lasciano ai piedi del podioAntonio Saponaro e Walter Facente.

 

Vincenzo D’arco trasforma il bronzo di verona nell’oro di Catania nella categoria al limite dei 100 kg: è Pablo Tomasetti ad avere la peggio in una finale ostica, combattuta a suon di shido. Sul terzo gradino del podio Alberto Borin al rientro e Luca Ardizio, quinta piazza per Federico Cavanna eKarim Gharbi.

 

E il possente Fabio Dell’Anna a conquistare il titolo dei supermassimi dopo la  finale con LucaMarmo protratta in perfetto equilibrio fino al Golden Score: a decidere le sorti è stato lo scarto di una sanzione comminata nell’extra time. Le medaglie di bronzo sono andate a Valerio Menale e  Daniele Mangiapia, quinti Nicola Becchetti e Daniele Tripoli.

 

Padrone della classifica a squadre maschiele è il Gruppo Sportivo Fiamme Oro con  tre tricolori, tre argenti ed un bronzo, seguito dal Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre (1, 1, 4) e dal CRS Akiyama Settimo Torinese (1 0 1).

 

Positivo il commento del maestro Raffaele Toniolo, per la prima volta all’assoluto nei panni di Direttore Tecnico Nazionale: “La gara mi è piaciuta  perché è stata una prova di ottimo livello: il nostro judo è in crescita e questo ci fa capire che siamo sulla buona strada. Ho anche notato positivamente la partecipazione di tanti atleti tra i professionisti  ed il ritorno di vecchie glorie che si sono voluti mettere in gioco. Come ho anticipato nel comunicato sei giorni scorsi la rosa degli atleti che parteciperanno ai prossimi europei di Budapest sarà senz’altro allargata a fronte della gara di oggi. Domani vedremo cosa ci riservano le ragazze”

 

Domani in gara le atlete delle categorie femminile: peso 8-9 per  48, 52, 57, 63 Kg, peso 10-11 per 70, 78, +78 kg.


Commenta con Facebook

commenti