European Games: Giuffrida quinta

European Games: Giuffrida quinta

Partenza in punta di piedi per l’Italia del Judo impegnata negli European Games di Baku. A far sognare il pubblico azzurro incollato al PC – ma penalizzato dall’eterna beffa dei diritti TV che hanno privato gli appassionati del consueto streaming – è stata Odette Giuffrida, unica italiana ad approdare alle finali. La giovane romana è [...]

Pubblicato da AC il 25 giu 2015 in Monza

Partenza in punta di piedi per l’Italia del Judo impegnata negli European Games di Baku. A far sognare il pubblico azzurro incollato al PC – ma penalizzato dall’eterna beffa dei diritti TV che hanno privato gli appassionati del consueto streaming – è stata Odette Giuffrida, unica italiana ad approdare alle finali.

La giovane romana è stata la prima degli azzurri a esordire sul tatami di Baku: è stato uno shido a fare la differenza sia nell’equilibrato incontro www.eju.netcon la belga Ilse Heylen che con la kosovara Distria Krasniqi; ai quarti di finali l’eterna rivale Andreea Chițu (ROU), sconfitta poche settimane orsono al World Master di Rabat, ha quindi avuto la meglio su Odette, imponendosi di yuko e spianandosi la strada per conquistare il titolo continentale. Approdata ai recuperi, nonostante un risentimento alla caviglia l’azzurra si è quindi imposta con un gran lavoro tattico sull’ucraina Tetiana Levytska, ma tanta determinazione non è bastata al cospetto della zarina Natalia Kuziutina che si è imposta  per differenza di sanzioni. Odette ritorna dunque ai piedi del podio continentale come fu a Budapest 2013, confermandosi capace di stare al passo delle grandi.

Settima piazza per Valentina Moscatt; partita tra le teste di serie, la torinese è riuscita a ribaltare le sorti di un incontro iniziato male, con la padrona di casa Aisha Gurbanli in vantaggio di waza-ari: l’azzurra ha infatti schiantato l’azera marcando l’ippon della vittoria. Fatale lo scontro con l’ucraina Maryna Cherniak che ai quarti di finale si è imposta con due yuko di vantaggio. Purtroppo ineluttabile il punticino della spagnola Julia Figueroa che ha definitivamente tagliato la strada a Valentina nell’incontro di recupero.

Dopo un ottimo inizio di giornata, Elio Verde è stato eliminato al secondo turno dal padrone di casa Nijat Shikhalizada. Stessa sorte per Giulia Quintavalle: partita bene con la slovena Vlora Bedeti la campionissima al secondo turno ha ceduto il passo alla romena Corina Caprioriu. Nulla di fatto per Carmine Di Loreto ed Emanuele Bruno.

Oggi sarà la volta di Andrea Regis, Marco Maddaloni, Antonio Ciano, Ewige Gwend e Giulia Cantoni:  Andra se la vedrà col bielorusso Aliaksei Ramanchyk, ad attenderlo il martinetto sloveno Rok Draksic, Marco esordirà invece col giovane greco Georgios Azoidis mentre a Antonio dovrà imporsi sul finlandese Antti Virta; Edwige, che partirà come testa di serie, attende la vincitrice tra l’olandese Juul Franssen e l’ungherese Franciska Szabo, mentre Giulia se la vedrà con Esther Stam, l’olandese passata alla Georgia.

I titoli della prima giornata sono andati a Russia, Romania, Francia e Belgio: alla belga Charline Van Snick l’oro dei 48 kg, conquistato con la vittoria in finale sulla turca Ebru Sahin; sul terzo gradino del podio Eva Csernoviczki (HUN) e la giovane russa Irina Dolgova; la rumena Andreea Chițu ha conquistato il titolo dei 52 kg imponendosi sulla francese Annabelle Euranie, di bronzo Natalia Kuziutina (RUS) e Mareen Krah (GER); i 57 kg sono andati alla divina Telma Monteiro, oggi al suo quinto titolo continentale conquistato con determinazione sulla bella ungherese Hedvig Karakas; bronzo per Miryam Roper (GER) e per la kosovara Nora Gjakova. Doppietta russa nelle categorie maschili con Beslan Mudranov e Kamal Khan-Magomedov. Mudranov ha confermato il suo titolo europeo nei 60 kg imponendosi sul padrone di casa Orkhan Safarov in un’avvincente finale vinta di ippon a pochi istanti dalla fine del tempo; terza piazza per Amiran Papinashvili (GEO) e Ludovic Chammartin (SUI). Khan-Magomedov ha invece messo a tacere il campione uscente Loic Korval (FRA), conquistando i 66 kg; terzi classificati Sebastian Seidl (GER) e Mkhail Pulyaev (RUS).

 

Clicca qui per le classifiche e l’aggiornamento online dei tabelloni

index1

 


Commenta con Facebook

commenti