Gli junior in forma a Lignano!

Gli junior in forma a Lignano!

Avvincente la prima giornata dell’European cup Juniores di Lignano, scelta da molti dei migliori judoka europei della classe juniores per testare il terreno europeo: qualità e quantità hanno fatto della prima giornata di gara un test interessante per gli appuntamenti futuri! E’ stata una buona Italia quella sul tatami del Ge.Tur: sei le medaglie azzurre [...]

Pubblicato da AC il 26 apr 2014 in Lignano Sabbiadoro

Avvincente la prima giornata dell’European cup Juniores di Lignano, scelta da molti dei migliori judoka europei della classe juniores per testare il terreno europeo: qualità e quantità hanno fatto della prima giornata di gara un test interessante per gli appuntamenti futuri!

E’ stata una buona Italia quella sul tatami del Ge.Tur: sei le medaglie azzurre con l’oro del giovanissimo Manuel Lombardo, l’argento di Elisa Adrasti e Miriam Boi, i bronzi di Elios Manzi, Matteo Medves e Maria Centracchio.

Cinque incontri ben gestiti per l’estroso talento torinese Manuel Lombardo (55 kg): vincente e vincitore col tedesco Klemm, col britannico Young, col possente azero Maharramoved in semifinale con l’ungherese Richard grazie ad uno spettacolare ippon., Nonostante un piccolo infortunio alla caviglia, Manuel ha ampiamente dominato la finale con il portoghese Alexandre Silva, vessato senza sosta per quattro minuti, ottenendo un waza-ari di ura-nage ed uno spettacolare ippon di o-goshi a pochi secondi dalla fine dell’incontro. Ottima performance la sua, che gli permette di mettersi in ottima luce anche tra gli junior: Manuel, classe 1998, ancora secondo anno cadetto ha già guadagnato una medaglia di bronzo e una d’oro nel circuito continentale cadetti.

Elisa Adrasti (44 kg), superata la slovena Mercnik di ippon, ha ceduto solo nella finale con la fastidiosa Catarina Costa: micidiale l’osae-komi della portoghese, che ha costretto l’azzurra al secondo posto. Poche ma buone, le 44 kg rappresentano per la piemontese una buona occasione per guardare con interesse alla piazza euroepa.

Seconda piazza anche per Miriam Boi (57 kg), davvero incisiva sul tatami di Lignano dove dino alla finale, ha fatto piazza pulita delle sue avversarie tutte eliminate per ippon: è stato così per la slovena Grabnar, per l’inglese Caller, per le colleghe Simona Boccotti (eliminata in vero grazie a quattro sanzioni) e Maria Centracchio: fatale per lei lo scornto in finale con la francese Melissa Laury Posvite  che non le ha dato tregua fermandola sul secondo gradino del podio con un waza-ari.

Terzo posto per un ottimo Elios Manzi, davvero impressionante sul tatami grazie ad una rapidità non comune accompagnata alla sua tecnica micidiale. Sette incontri per il fuoriclasse siculo, in cui soltanto il campione europeo under 21, Davud Mammadov è riuscito a tagliargli la strada più col fisico che col judo. Elios s’è quindi imposto con classe sull’ungherese Horvat, sul serbo Nurkic, sull’austriaco Autengruber, sullo slovenoi Plesnik, sull’israeliano Dante ed infine in’un avvincente finale con la vecchia conoscenza tedesca Moritz Plafky, letteralmente maltrattato.

Terso posto anche per l’atleta di casa, Matteo Medves a dir poco ostico per i suoi sei avversari: soltanto il fuoriclasse israeliano Barshet Shamilov è riuscito ad annientarlo sorprendendolo con un fulmineo ippon a metà di una combattuta semifinale. Tecnica e sagacia hanno fatto il resto negli incontro con il norvegese Hermansen, l’ungherese Hencz, lo sloveno Kosak, il compagno Biagio Stefanelli e l’ungherese Martin Vegavri nella finale per la medaglia di bronzo.

Medaglia di bronzo infine, per la molisana Maria Centracchio, che centra un altro podio internazionale dopo l’argento di Coimbra dello scorso marzo. Nella stessa categoria che ha visto d’argento Miriam Boi, oggi Maria ha ceduto soltanto alla collega, eliminando con perizia e determinazione tutte le altre avversarie: così è stato con la polacca Wykupil, con la slovena Stangare e con l’altra polacca, Borowka, vessata ed eliminata da quattro sanzioni nell’incontro di finale.

Quinte classificate Anastasia Pastorino ed Elena Friso, settime Francesca Giorda e Simona Boccotti, così come un ottimo Biagio Stefanelli bloccato nel suo ottimo percorso da un vero abbaglio arbitrale.

Nel medagliere della prima giornata, l’Italia è al secondo posto con un oro, due argenti e tre bronzi, dietro al team di Israele che ha totalizzato due medaglie d’oro.

Domani Lignano vedrà impegnati gli atleti delle categorie più pesanti.

 

Clicca qui per i risultati

 


Commenta con Facebook

commenti