Assemblea: gli interventi dei delegati

Assemblea: gli interventi dei delegati

Prima delle operazioni di voto e del ricordo di Matteo Pellicone affidato allo speaker Fabrizio Marchetti,  l’assemblea federale ha dato spazio ai brevi interventi di alcuni delegati che in pochi minuti ciascuno, hanno concentrato parole di ricordo, assenso e supporto ma anche il monito al candidato presidente a non tradire le attese e la fiducia [...]

Pubblicato da AC il 2 feb 2014 in Ostia

Prima delle operazioni di voto e del ricordo di Matteo Pellicone affidato allo speaker Fabrizio Marchetti,  l’assemblea federale ha dato spazio ai brevi interventi di alcuni delegati che in pochi minuti ciascuno, hanno concentrato parole di ricordo, assenso e supporto ma anche il monito al candidato presidente a non tradire le attese e la fiducia accordata dall’assemblea.

Giuseppe Porcari, già consigliere federale e presidente del Comitato Regionale Piemonte, ha sottolineato la necessità di affidare la gravosa presidenza del dopo Pellicone a Domenico Falcone, quale garante di continuità e custode dell’unità della federazione. “Ci aspettiamo molto da lei e dal consiglio” ha affermato Porcari chiedendo una federazione più snella, capace di modernizzarsi con regole nuove, più adeguata al tempo attuale e capace di promuovere le identità di ciascun settore pur nell’unità. “Attendiamo risultati concreti: la sosterremo ma non le faremo sconti.”

E’ spettato a Corrado Croceri il secondo intervento. Protagonista di un infuocato botta e risposta con Matteo Pellicone all’assemblea di dicembre 2012, Croceri ha sottolineato il rispetto per Pellicone pur nella differente visione del sistema federale. Dando fiducia al candidato presidente, nel suo intervento Croceri ha voluto ribadire un concetto per lui chiave: “ Vorrei arrivare al prossimo quadriennio in cui ogni società abbia almeno un voto.”

Preciso nella sua sintesi Salvatore De Lucia ha ribadito la necessità di un maggior coinvolgimento delle università nella pianificazione della vita e delle iniziative federali insieme alla richiesta di attenzione all’attività di base ed ai club “Ci sta vicino con una agenda e degli obiettivi, stia sul territorio, sia presente” ha dichiarato rivolgendosi direttamente a Falcone.

L’ex azzurra Alessandra di Francia si è fatta portavoce di tutte le donne in judogi: ricordando la storia di tante battaglie per il judo tra le donne insieme alla consapevolezza che è proprio dal judo femminile che sono venuti i più recenti successi olimpici, la maestra Di Francia ha ringraziato Domenico Falcone: “La ringrazio perché anticipandomi ha detto che si lavorerà per un’apertura alle donne anche a livello dirigenziale. Il nostro può essere un punto di vista differente che non può continuare a passare inosservato.”

Il concitato intervento di Giuseppe Marmo ha delineato le ipotesi di trasformare la Federazione in una Confederazione di Federazioni che aggreghi tutti gli sport da combattimento oltre a quelli già presenti nella FIJLKAM, garantendo autonomia organizzativa e finanziaria a ciascun settore. La sostanziale modifica dell’assetto federale da lui proposta come realizzabile entro l’anno per garantire l’accesso alla federazione a numerose società non affiliate, riguarderebbe anche il sistema di voto, svincolandolo dall’attività agonistica federale.

Puntuali le repliche del candidato presidente che dopo aver ringraziato per la stima e l’affetto, ha sottolineato l’urgenza di alcuni cambiamenti sostanziali già in cantiere insieme alla necessità di un dialogo costruttivo capace di fare rete anche nella diversità di opinioni e punti di vista. Viva l’esortazione a dipingere scenari futuribili che siano in accordo con le indicazioni e le norme delineate dal CONI, con la consapevolezza che alcuni aspetti possano essere cambiati a partire da una riforma delle carte federali.  “Sono pronto al fatto che non avrò sconti” ha concluso Falcone “l’esame sarà la prossima assemblea.”

 

Clicca qui per l’intervento del presidente Falcone

 

 

 

Foto: Emanuele Di Feliciantonio – FIJLKAM


Commenta con Facebook

commenti