Assegnati i tricolori femminili: 5 conferme e 2 prime volte

Assegnati i tricolori femminili: 5 conferme e 2 prime volte

Ad Ostia e’ stata la settima volta per Assunta Galeone, ma anche la riconferma di Francesca Giorda, Carola Paissoni, Eleonora Geri e Maria Centracchio, quest’ultima passata da 57 a 63 kg. E’ stata anche il giorno delle prime volte: il primo assoluto per la giovanissima Silvia Pellitteri, ancora 17enne, e per Francesca Milani.
FOTO e VIDEO: fijlkam.it

Pubblicato da Ennebi il 6 feb 2017 in Barcellona, ESP

Con la giornata di domenica dedicata alle categorie femminili e l’assegnazione dei tricolori alle 7 neo campionesse, si chiude il Campionato Italiano Assoluto e ci si prepara agli appuntamenti internazionali.

Ieri ad Ostia è stata la settima volta di Assunta Galeone, che conferma ancora una volta di essere la regina dei 78 kg. E’ tuttavia ancora lontana dal record detenuto da Ylenia Scapin, ora sua allenatrice, la quale ha conquistato in un arco temporale di 15 anni ben 13 titoli italiani. La giornata di ieri ha visto la riconferma anche di Francesca Giorda, Carola Paissoni, Eleonora Geri e Maria Centracchio, quest’ultima passata da 57 a 63 kg. E’ stata anche il giorno delle prime volte: il primo assoluto per la giovanissima Silvia Pellitteri, ancora 17enne, e per Francesca Milani.

Partiamo dalle categorie piú leggere.

Nei 48 kg, la 23enne Francesca Milani conquista il suo primo titolo italiano assoluto alla sua quarta medaglia in questa competizione. Nella finalissima grazie ad un passaggio a terra di sankaku, Francesca s’impone su Michela Fiorini, che migliora la terza piazza conquistata a Salsomaggiore Terme. Sul terzo gradino del podio torviamo due atlete juniores: la 19enne Simona Pollera e la 18enne Sofia Petitto.

Nei 52 kg si riconferma campionessa italiana Francesca Giorda, al suo primo anno tra i senior. Nella finale per l’oro l’atleta piemontese ha la meglio sulla corregionale Giulia Pierucci grazie ad un ippon di o uchi gari. Anche in questa categoria sul terzo gradino del podio salgono due atlete juniores: la 17enne Martina Castagnola e la 19enne Annarita Campese.

Nei 57 kg, la 17enne Silvia Pellitteri si aggiudica il primo titolo italiano assoluto nella sua carriera. Nella finalissima s’impone sulla 21enne Sofia Fiora grazie ad un ippon ottenuto su contro attacco successivo ad un tentativo di ura nage. Martina Lo Giudice, una delle favorite alla vigilia, chiude l’assoluto in terza piazza, in compagnia di Giulia Caggiano, proprio colei che l’aveva mandata ai recuperi ai quarti di finale per un waza ari. Giulia si riconferma sul podio per la terza volta consecutiva.

Nei 63 kg vince la molisana Maria Centracchio, che sembra non accusare il cambio di categoria avvenuto a fine 2016. A 57 kg aveva vinto il titolo italiano assoluto a Salsomaggiore Terme ed era anche salita sul podio degli Europei U21 e U23. Ieri a Ostia ha battuto in finale la quotata Alessia Regis. Dapprima andata in svantaggio di due shido, Maria ha rimontato la situazione costringendo Alessia a subire tre shido che con il nuovo regoamento arbitrale significano hansoku make. Francesca Busto, nonostante non sia piu un atleta a tempo pieno orami da un paio di anni, si conferma sul podio di questa categoria di peso in compagnia di Simona Abate, alla sua quarta medaglia ai Campionati Italiani Assoluti.

Nei 70 kg arriva la conferma di Carola Paissoni, che a 22 anni conquista il suo terzo titolo italiano assoluto. Anche quest’anno abbiamo visto la stessa finale dello scorso anno: cosi per 3 sanzioni a 2 Alessandra Prosdocimo si accontenta della seconda piazza per il secondo anno consecutivo. La 18enne Alice Bellandi si conferma per il secondo anno consecutivo sul podio di questa cateogria in compagnia della 19enne Chiara Lisoni, alla sua prima medaglia in questa competizione.

La regina dei 78 kg è Assunta Galeone, al suo settimo titolo italiano assoluto, che aggiunti ai 3 titoli italiani di classe, raggiunge quota 10. La finale con la compagna di squadra Valeria Ferrari dura poco: l’incontro si conclude per ippon di immobilizzazione avvenuto subito dopo aver segnato un waza ari di tai otoshi. Lucia Tangorre conquista il terzo posto. Nella finalina per il bronzo Lucia supera grazie ad uno shido al golden score una faccia nota di questa cateogria di peso, Rosetta Melora, che chiude dunque ai piedi del podio. L’altra medaglia di bronzo di questa categoria è Linda Politi, giunta alla sua sesta medaglia in un Assoluto. Linda conferma di essere una delle atlete piú forti in Italia nei 78 kg.

Giovanissima, solo 20enne, Eleonora Geri conquista il suo secondo titolo assoluto consecutivo nella categoria +78 kg, mandando un chiaro messaggio al DTN Kyioshi Murakami. Alle sue spalle, in seconda piazza troviamo Carolina Costa. Elisa Marchio’ piedistallo di questa categoria di peso, chiude al terzo posto e conquista la sua sesta medaglia in un Assoluto, due per ogni colore. La 18enne Annalisa Calagreti si aggiudica l’altra medaglia di bronzo di questa categoria di peso

In due settimane da oggi la Nazionale Italiana di Judo parteciperà in Italia ed in Austria alle Continental Open previste per il fine settimana del 18 e del 19 febbraio: i primi 5 classificati tra i maschi calcheranno il tatami dell’European Open di Roma e le prime tre classificate tra le donne calcheranno il tatami dell’European Open di Oberwart.

ACCEDI AI RISULTATI COMPLETI FEMMINILI

ACCEDI AI COMMENTI DELLE NEO CAMPIONESSE ITALIANE

ACCEDI AL RESOCONTO DEGLI ASSOLUTI MASCHILI


Commenta con Facebook

commenti