Argento azero per Galeone

Argento azero per Galeone

Assunta Galeone torna alla grande tra le grandi conquistando la medaglia d’argento nel Grand Slam di Baku. Dopo il bronzo di Edwige Gwemd nella seconda Giornata di gara, oggi è stata la volta della napoletana che si è messa in ottima luce in uno degli appuntamenti più ambiziosi del panorama mondiale. Questa mattina la “Susi” [...]

Pubblicato da AC il 11 mag 2014 in

Assunta Galeone torna alla grande tra le grandi conquistando la medaglia d’argento nel Grand Slam di Baku. Dopo il bronzo di Edwige Gwemd nella seconda Giornata di gara, oggi è stata la volta della napoletana che si è messa in ottima luce in uno degli appuntamenti più ambiziosi del panorama mondiale.

Questa mattina la “Susi” nazionale è partita alla grande ingabbiando ineluttabile la statunitense Bleier e quindi vessando con determinazione l’ostica russa Anastasiya Dmitrieva, fatale per le illogico scontro in finale con la potente francese Madeleine Malonga che l’h costretta al secondo gradino del podio dopo aver marcato waza-ari.

Quinta piazza oggi, per Walter Facente che dopo aver superato i turni eliminatori con il kazako bollate e con l’uzbeco Doniyorov, s’è fermato al cospetto del campionissimo Guillame Elmont nell’incontro di semifinale e quindi nella finale per il bronzo di fronte al campione mondiale juniores Beka Gviniashvili, già vincitore del Grand Prix di Samsun.

Il bottino azzurro in terra azera è quindi di un argento, un bronzo, due quinti ed un settimo posto.

“Questa è la prima medaglia in Grand Slam sia per Edwige che per Assunta” ha dichiarato il DTN Raffaele Toniolo “è un ottimo risultato, peccato solo che non sia arrivato con una settimana d’anticipo a Montpellier. Va comunque detto che al fine del Ranking Mondiale, una medaglia in Grand Slam conta più del campionato continentale e guardando all’imminente apertura del periodo di qualificazione olimpica questo non è trascurabile. A Giugno molti di questi ragazzi prenderanno parte al primo Grand Prix qualificante di Budapest e potranno farlo con una posizione di ranking di un certo rilevo. Il risultato di questi giorni si inserisce in un percorso positivo che da credito alle nostre scelte iniziali: abbiamo ottenuto buoni risultati in Open e in Grand Prix prima, ora in Grand Slam: ora occorre lavorare per raggiungere traguardi più ambiziosi. Non va dimenticato infine che in questo stesso week-end abbiamo preso nove medaglie nell’European Cup Senior di Londra: se per qualcuno è significato rimettersi in gioco ad alto livello, per altri questo traguardo significa essersi guadagnati il ‘pass’ dei Continetal Open…questo ci permette di ampliare il bacino dell’alto livello da un lato ma anche di ridefinire la posizione dell’Italia in un contesto europeo in cui non siamo stati a lungo incisivi.”

Clicca qui per i risultati


Commenta con Facebook

commenti