Agadir: la Russia di Ezio Gamba 5 volte sul podio nella terza giornata

Agadir: la Russia di Ezio Gamba 5 volte sul podio nella terza giornata

Nell’ultima giornata del Grand Prix di Agadir, la Russia di Ezio Gamba sorpassa la Slovenia che aveva dominato le prime due giornata di gara. Lo fa conquistato due ori, nei 90 e 100 kg grazie rispettivamente a Khusen Khalmurzaev e di Kirill Denisov. Il primo è il fratello gemello del campione olimpico di Rio negli 81 kg , Khasan, che nella seconda giornata di gara ha chiuso al terzo posto, con grande rammarico.

La prestazione della piccola grande Slovenia resta tuttavia rilevante, a conferma di aver attuato una strategia che assicura risultati duraturi nel tempo e sempre in crescita.

Pubblicato da Ennebi il 12 mar 2018 in Praga

Nella terza ed ultima giornata del Grand Prix di Agadir in Marocco, la Russia di Ezio Gamba sale per ben 5 volte sul podio su 5 categorie in gara, tra cui spiccano gli ori di Khusen Khalmurzaev nei 90 kg e di Kirill Denisov nei 100 kg, il primo numero 13 al mondo, il secondo numero 5 al mondo.

Cosi la Russia si piazza sul primo gradino del medagliere per nazioni con un totale di 3 ori, 2 argenti e 3 bronzi conquistati in tre giorni di gare in Marocco. Alle sue spalle troviamo la Slovenia, piccola grande nazione a noi vicina geograficamente e lontana anni luce per strategia, organizzazione e risultati. La Slovenia chiude il Grand Prix di Agadir con 2 ori, 2 argenti e 3 bronzi, con una sola medaglia in meno rispetto alla Russia. Si tratta di un risultato che sorprende se si pensa che la Russia ha una popolazione 72 volte più grande della Slovenia. Sul terzo gradino del podio troviamo la Turchia con 2 ori ed 1 argento, mentre la Germania con 2 ori e 3 argenti si ferma ai piedi del podio.

Nessun atleta italiano era in gara quest’oggi. Del resto, la rappresentativa azzurra contava giusto un uomo ed una donna, ovvero Enrico Parlati ed Elisa Adrasti. Una ulteriore occasione mancata per i nostri azzurri che si troveranno sfavoriti quanto meno nel sorteggio non appena i tornei del world tour cominceranno a dare punti validi per la qualificazione olimpica, ovvero a partire da fine aprile con gli Europei di Tel Aviv.

Ma torniamo alla terza ed ultima giornata di gara del Grand Prix di Agadir ed analizziamo i podi categoria per categoria, cominciando dalle donne.

Categoria 78 kg 

L’outsider 24enne Maike Ziech sorprende tutti e conquista questa categoria di peso. Nella finalissima s’impone sull’ucraina Anastasiya Rurchyn, numero 14 al mondo. La russa Anastasiya Dmitrieva e l’isrealiana Yarden Mayersohn si piazzano sul terzo gradino del podio.

Categoria +78 kg 

L’atleta ucraina Yelyzaveta Kalanina vince la categoria imponendosi nella finalissima sulla slovena Anamari Velensek, in incontro chiuso al golden score. La 20enne anna Gushchina si piazza al terzo posto assieme alla croata Ivana Sutalo.

Categoria 90 kg 

Nella finalissima di questa categoria, il russo Khusen Khalmurzaev, fratello gemello del campione olimpico degli 81 kg Khasan, s’impone sul francese Lorenzo Perricone, solo 20enne. Khusen riscatta il terzo posto conquistato dal fratello campione olimpico il giorno prima. Il belga Joachim Bottieau, che è solito combattere negli 81 kg, si piazza al terzo posto. A fargli compagnia sul podio troviamo l’ucraino Quedjau Nhabali.

Categoria 100 kg 

La finale per l’oro dei 100 kg vede opporsi da un lato il russo Kirill Denisov dall’altro il portoghese Jorge Fonseca, numero 5 ed 8 al mondo rispettivamente. Come anticipato, la medaglia d’oro va all’atleta russo che sorprende l’avversario al secondo minuto di combattimento. Dopo aver mancato il podio nei tornei del World Tour per più di due anni, il tedesco 26enne Karl-Richard Frey ci torna proprio ad Agadir. Gli fa compagnia sul podio l’atleta del Turkmenistan Batyr Hojamuhammedov, alla sua prima medaglia in un torneo del World Tour.

Categoria +100 kg 

Il 21enne tedesco Johannes Frey conquista la categoria degli oltre imponendosi nella finalissima sul russo Anton Krivobokov, entrambi alla loro seconda medaglia in un torneo del World Tour. Si piazzano a pari merito in terza piazza l’ucraino Oleksandr Gordiienko e il francese Nabil Zalagh.


Commenta con Facebook

commenti